11/12/2017 - Interviews

Maztek

by Andrea Lai

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade Hardware, Virus e C4C. Lo abbiamo beccato in una pausa in studio, fra consegne e lavoro sul suo prossimo album. A firmare questa intervista è Andrea Lai.

Che aspetto ha l’Italia da quando ti sei trasferito all’estero?
In Italia suono poco, non sono molto preparato sulla scena, nel senso che non conosco i locali. I promoter non hanno i soldi per invitarmi, il mio cachet non è un cachet nella media italiana… Sono venuto al DnB Temple a Marghera con Calyx & Teebee, che è stato un seratone della madonna, ma credo che economicamente non sia andato bene. Il punto è che non ci sono locali che funzionano quindi i promoter si buttano su nomi “sicuri” con i quali sperano di non rimetterci nell’organizzare una serata.

Come è vista l’Italia DnB sulla scena internazionale?
È considerata bene, soprattutto i nuovi produttori. Ci sono ragazzi che stanno spaccando parecchio sulla scena internazionale, ad esempio Inward, Hanzo & Randie quest’anno hanno fatto il miglior disco del 2017, poi Akrom, Disprove. Siamo messi bene a livello di produttori.

Chi è il best player nel drum and bass in Europa?
Andy C è il migliore DJ drum and bass di sempre. A livello di serate e festival le cose migliori sono in Repubblica Ceca. L’Inghilterra rimane potente, anche se l’ospitalità inglese, quando vai a suonare nei loro club, è la peggiore in Europa. Non ti danno driver, cena, e manco i drink! Per loro è normale che ti muovi da solo visto che sono abituati ai DJ inglesi. Quando ho iniziato con Renegade Hardware per finire su BBC ho dovuto spingere tantissimo, ora c’è più apertura da parte degli inglesi per i nomi non britannici, anche se rimane un po’ l’atteggiamento “io sono inglese io sono meglio”.

Il DnB all’inizio era musica nera, se non fatta da neri, pregna comunque della cultura black. Ora sempre più bianca, come feeling e come cultura.
Sì, è cambiata la generazione di ascoltatori. Diciamo che i diciassettenni che sono il pubblico che abbiamo attualmente, sono più puliti. È un pubblico non cresciuto in strada, che non ha abusato di droghe, che non è andato ai rave illegali. È un pubblico che è nato nei club, in una situazione più pulita. Fra gli artisti c’è sempre il solito dissing, ma il pubblico è fresco, pulito.

Sembra un po’ il pubblico dell’EDM…
Sì, lo è. È esattamente lo stesso pubblico e spesso anche lo stesso suono, almeno da parte di alcune etichette. Ci sono etichette che ricalcano gli stilemi dell’EDM, anche a livello di struttura dei pezzi: una release a settimana con la stessa musica, con una nota sola. Senza alcuna musicalità, l’intro è di due battute, poi due secondi di drop e poi un altro super drop. Con il nuovo album che sto facendo cerco proprio di riportare la cura per la musica, l’amore per l’intro nei pezzi, intro che abbiano una storia e che arricchiscano i pezzi.

Tu vieni da una cultura del mix diversa, cioè fatta di mix lunghi, come fai quando suoni con altri DJ?
Ormai un pezzo dura tre o quattro minuti al massimo, il mixing è cambiato anzi è quasi scomparso. Dieci secondi di intro e poi drop di dieci secondi, la gente balla e poi arriva l’altro drop. La differenza che vedo rispetto ad alcuni altri artisti con cui suono è che io mixo i pezzi, li tengo insieme, suono anche tre tracce insieme, insomma gioco con la musica. Altri sembra che suonino reggae o hip hop, per la modalità in cui suonano, buttando i pezzi dentro uno dopo l’altro.

Qual è la cosa più fica del DnB adesso?
L’ingegneria del suono. Abbiamo raggiunto dei livelli di suono che nessun’altra musica raggiunge. Lo standard è altissimo ed è diventato un genere molto più grande e seguito di dieci anni fa. La gente che va ai festival è sempre di più.

Cosa ti sei portato da Roma in Olanda?
All’inizio ero molto caciarone romano, qui ho imparato l’educazione, ho imparato ad essere quiet. Qui la gente ti sorride e ti saluta senza motivo ed è bellissimo. Ogni vota che torno a Roma appena esco dall’aeroporto mi prende un attacco di panico per il casino, il traffico e il rumore. Qui c’è silenzio, c’è rispetto e ordine. Mi manca di Roma il calore della gente. Fare amicizia qui, a meno che non siano donne, è dura. Sono molto freddi e superficiali nei rapporti di amicizia, ma non come gli inglesi, perché loro alla fine quando si tratta di far serata si divertono, sono caldi. Diciamo che gli inglesi ti abbracciano anche, gli olandesi al massimo una pacca sulla spalla…

I tuoi tre singoli preferiti fra le tue produzioni?
"Up And Down" uscito sulla mia etichetta nel 2005 che è uno dei pezzi che mi piace di più e credo che a breve farò una VIP. "Straight to Bad" perché mi ha reso famoso, quindi ci sono molto legato. L’hanno suonato Calyx & Teebee, Ed Rush e mi ha fatto esplodere. L’album "Three Point Zero" su Renegade Hardware. È stato un onore far parte di un’etichetta così storica.

Come è cambiato nel tempo il tuo modo di lavorare alle tracce?
Parto da un’idea sempre. La differenza fondamentale è che, visto l’alzarsi degli standard di cui parlavamo prima, mentre anni fa facevo una traccia al giorno e non mi interessava come suonava perché mi bastava che fosse bella e ballabile, adesso per finire una traccia ci metto mesi. Deve suonare come deve suonare. Ci metto un giorno a scriverla dal punto di vista musicale, poi scatta la parte di ingegneria che dura tanto. Uso hardware e software, Virus e TI Microbrute, Serum e FM8.

Come sarà l’album, puoi anticiparci qualcosa?
Uscirà su RAM e sarà un misto fra cose contemporanee di drum and bass e pezzi con un sapore più classico. Sarà un disco DnB, ma anche bass e half step, tipo le cose che escono su Division l’etichetta di Noisia. Mi piace la roba halfstep, quando sono a casa non ascolto drum and bass, ma robe bass. Nel disco ci sarà un pezzo con i Virus Syndacate, uno con DOPE D.O.D. – l’originale era uscito nel mio album su Hardware e su questo album metterò una VIP. Fra gli ospiti ci sono MC Verse (dei Pendulum) e Miss Trouble.

Che farai da grande?
Ancora suono in giro, un po’ meno di due anni fa perché, stando su Renegade Hardware, giravo parecchio. Poi l’etichetta ha chiuso e sono stato meno in vista. Adesso se non sei parte di un’etichetta fatichi a suonare. Comunque vorrei lavorare nel sound design, per gaming, cinema. È difficile, ma mi piacerebbe molto, anche se potrei anche diventare un santone della drum and bass e suonare per sempre finché mi regge. Lavorare nel sound design mi permetterebbe di non viaggiare, non stare sempre in giro e non dover competere con pischelli di 17 anni! Poi vorrei lanciare la mia etichetta, decidere le release senza aspettare i tempi di etichette e management. Gestire io la parte economica, perché credo che un produttore sappia cosa è meglio per lui. Se volessi fare un pezzo di musica classica vorrei poterlo fare. Non ci sono etichette o agenti meglio di te stesso per lavorare per te stesso…

More interviews

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Abbiamo intervistato e chiesto una playlist esclusiva a DNN.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

La nostra intervista al duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

La nostra intervista ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!