08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

by Vivian Scarpuzza

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importante. Abbiamo parlato di questo e altro con due di loro, Inward e Hanzo. E per l'occasione i ragazzi hanno anche realizzato un mix esclusivo per Hellmuzik.

Fate finta che nessuno vi conosca: chi sono Inward, Hanzo & Randie? Per quali etichette sono usciti?
Siamo tre pazzi che invece di fare EDM e stare tutti il giorno a mollo a bere cocktail nella Jacuzzi hanno scelto di provare a fare la musica dei rettiliani. Attualmente abbiamo uscite su Cause 4 Concern e Blackout Music, stiamo preparando moltissime collaborazioni per il 2018, tra cui sia singoli sia EP, e ringraziamo tutti i promoter/fan/label/producer/amici per il grande supporto che ci stanno dando.

Abbiamo letto l’intervista che vi hanno fatto su UKF dove avete parlato dei 10 produttori migliori d’Italia: chi sono invece i produttori migliori della scena in assoluto, secondo voi?
Inward: Devo ammettere che è veramente difficile fare delle classifiche del genere, come quella che abbiamo fatto per UKF, perché sono davvero tanti i producer degni di nota, ognuno con la sua peculiarità. Tra i preferiti di sempre ci metterei Noisia, Phace, Misanthrop, Cause4Concern, Optical & Ed Rush, Spor, Calyx & Teebee, Bad Company, The Upbeats, Black Sun Empire. Mentre tra quelli che mi ispirano attualmente direi: Gydra, Disprove, Merikan, Signal, Neonlight, Aggressor Bunx, Synergy, Emperor, Mefjus, Billain.
Hanzo: Beh, innanzitutto è doveroso dire che quelli sono solo dieci di una lunga lista che per necessaria brevità dell'articolo è stata scremata: Neve, Aeph, Atomik Tags, HLZ uuuuh! Di producer italiani ce ne sono molti di più e sono tutti bravi, non ce n'è uno migliore dell'altro, tant'è che siamo tutti singole espressioni di un unico movimento. Tornando alla domanda posso dirti i miei preferiti al momento: Break, DLR, Joe Ford, Gydra, Neonlight, Disprove, Merikan, Spectrasoul, Ulterior Motive e QZB.

Il vostro “Consistency of error” è stato nominato tra i best album ai DnB Awards, ve lo aspettavate? L’album ha anche delle collaborazioni con altri produttori italiani: come avete lavorato sulle tracce?
Inward: No, è stata veramente una bella sorpresa! Riguardo le collaborazioni con altri artisti, le gestiamo tranquillamente tramite internet per la maggior parte e, quando capita l'occasione, si va in studio assieme.
Hanzo: No, neanch’io me lo aspettavo, sinceramente. Di solito vengono prese in considerazione situazioni molto meno underground della nostra, ma va bene così, vuol dire che di tutta la passione e l'impegno che ci abbiamo messo qualcosa è passato. Per quanto riguarda le collaborazioni, beh oggi come oggi è molto facile collaborare grazie a internet, ci vuole un attimo a esportare e passarsi le stem, ma le trasferte negli studi altrui restano impagabili: non capisci la follia di un producer fino a quando non lo conosci nel suo ambiente naturale. Con Tommy, Nico e Giuliano ci siamo fatti grasse risate... e mangiate.

Sembra che la scena italiana stia vivendo un bel periodo, soprattutto a livello di produzioni, ma c’è chi continua a dire che la DnB è morta: come la pensate?
Inward: Onestamente non credo che sia morta, basti pensare alla quantità di eventi in giro per l'Europa. Penso che la DnB sia un genere molto orientato al futuro e proprio per questo, dopo anni dalla sua nascita, rispecchia ancora bene l'idea di uno stile musicale fresco e innovativo. Sono contento di vedere producer italiani crescere così tanto e posizionarsi al fianco di nomi storici della DnB, anche se a livello di organizzazioni di eventi, a parte poche eccezioni, non penso ci sia molta qualità ancora.
Hanzo: Personalmente credo che, come movimento, a livello di eventi e coinvolgimento popolare, la DnB non solo non sia morta, ma non sia neanche mai nata in Italia. Ci sono solo rarissime realtà circoscritte che riescono a durare nel tempo e a lavorare con costanza come The Dreamers e Bad Vibes, per esempio. Tutto il resto purtroppo è ostaggio di un'audience che, a livello musicale, è indietro anni luce e non è capace di pensare se non attraverso stereotipi. Spesso riuscire a fare più di 100 ingressi diventa un’impresa per un promoter, nonostante tutta la buona volontà. E poi diciamocelo, all'italiano medio piace la cassa dritta.

Prima di mettervi a produrre DnB, quali altri generi ascoltavate? E adesso, invece, quali sono i vostri generi preferiti o comunque da cosa prendete spunto quando producete?
Inward: Ascolto tutto ciò che mi dà piacere, senza distinzioni di genere. Per la creazione di una traccia di solito si prende spunto da qualcosa che è rimasta impressa nella mente, non necessariamente DnB, poi, in fase di produzione, questa idea iniziale può essere definita o stravolta completamente.
Hanzo: Non ho mai avuto generi prediletti, quando la musica è di qualità è di qualità. A volte Coltrane, a volte Cypress Hill, Ennio Morricone, la musica è bella tutta se ben fatta e può sempre ispirarti tramite il più minimo e insignificante dettaglio. L'importante sarebbe cercare di non trovare sempre ispirazione da altri artisti DnB, altrimenti si rischia di fossilizzarsi un po’.

Per finire, qual è il dj che vi ha fatto innamorare di questo genere?
Inward: Mmh, ce ne sono un po'! Personalmente i primi mix DnB che ho ascoltato in assoluto sono stati la collaborazione tra Andy C & Dj Hype per Fabric e un mix dei Noisia di una Therapy Session del 2006 se non sbaglio: devastante!
Hanzo: Più che DJ, direi un producer... diciamo Spor. È stato uno dei primi, da quando ascoltavo Insecticide. E comunque i suoi set sono sempre stati una gran figata.

More interviews

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Abbiamo intervistato e chiesto una playlist esclusiva a DNN.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

La nostra intervista al duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

La nostra intervista ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!