25/09/2019 - Interviews

Railster

by Luca Gricinella

Railster (foto di Michela Nale) è un producer friulano residente a Londra. Ha pubblicato da poco un nuovo lavoro e con lui abbiamo parlato di questo ma anche di come vive Londra...

"Another Day" è un EP nato nella capitale inglese, uscito lo scorso luglio e composto da sei tracce. Railster, vero nome Andrea Uliana, ha mosso i primi passi nell’hip hop per poi sperimentare suoni e ritmi elettronici di altra matrice. È anche fondatore della community di producer Beat.it, attiva dal 2011.

Da quanti anni vivi a Londra e quanto pensi che una città del genere influenzi la tua musica?
Vivo a Londra da circa 8 anni, ma torno spesso in Italia quando posso. La mia musica non vuole avere una locazione precisa, ma Londra sicuramente mi ha influenzato molto. Vivere per molto tempo in una metropoli mi ha permesso di notare il contrasto con la provincia dalla quale provengo. Ho utilizzato alcune registrazioni ambientali per cercare di narrare queste differenze. Quest’ultimo EP, “Another Day”, inizia con un messaggio di servizio registrato mentre aspettavo nella metropolitana e ho inserito anche un chitarrista che spesso incontravo a Shoreditch andando a lavoro, ma alla stessa maniera ho usato altre registrazioni prese dalla natura friulana dalla quale provengo. La combinazione di queste due risorse, in qualche maniera, per me ha senso.

Frequenti qualche club o serata in particolare? In ogni caso, come vedi, al momento, la scena clubbing londinese?
Suono spesso con i miei amici di Pineapple Pizza, con residenza al Grow di Hackney Wick. In queste serate selezioniamo afrobeat, disco, dancehall, bass music e rarities. La terrazza esterna sul canale questa estate mi ha ospitato diverse volte, servono dell’ottimo cibo e sono molto gentili. Alcune volte sono andato, assieme a HLMNSRA, agli eventi degli amici di Nervous Horizon, nella zona nord di Tottenham. Mi piace vedere le esibizioni live di artisti e amici che seguo, come per esempio Flohio, Fluxdeflic, la mia amica Giulia di “Third Circle” di NTS Radio, Fly High Society e Iglooghost, per esempio. Preferisco gli eventi live alle serate da propriamente da “club”.

All’interno della comunità italiana a Londra ci sarà di certo chi, come te, fa musica non proprio allineata alle tendenze di mercato: quanto sono diverse le prospettive per chi fa lo stesso qui in Italia?
Credo che sia simile in entrambi i casi. Magari a Londra ci sono molti più eventi di elettronica leftfield. Spesso vado al museo Tate per degli eventi di arte e musica. In Italia ho visto meno investimenti sui talenti dei più giovani. Ma immagino che una grande città come Milano, per esempio, sia simile a Londra per molti aspetti.

Questo tuo nuovo EP si intitola, appunto, “Another Day” e leggo che è “un tributo all’inesorabile passaggio del tempo”. Vuoi spiegarci meglio il concetto dietro questo lavoro?
Ogni mio lavoro nasce da una direzione o visione. Lo scorso inverno, andando a lavoro, mi sembrava che le giornate si assomigliassero molto. Chi ha vissuto a Londra sa di cosa parlo. Un amico spesso, a fine giornata, mi diceva la frase “another day, another dollar” come ad essere consapevoli di aver portato a casa il necessario e per questo esserne sereni. Questa frase mi ha ispirato nel comporre questo EP. In origine, inoltre, ho scoperto che era una sorta di modo di dire. Ho ragionato sulla routine e su cosa fosse al di fuori di quello che io ritengo “normale”, ho cercato il “surplus” positivo durante questo periodo di “ricerca” quando stavo registrando il disco e ho cercato di inserirlo sotto forma di audio. Recentemente, mi sono ricordato che anche Brian Eno aveva fatto un disco con un titolo simile.

Tra le righe dei sei brani si sentono delle influenze bass music. A quali ritmi e suoni senti più vicino questo lavoro?
Ascolto tanta musica in generale, cerco sempre di tenermi aggiornato, anche ascoltando spesso la radio online. Ma quando produco musica allora mi sento vicino a sonorità grime, come Skepta, Stormzy o cose più recenti della scena parallela drill, come slowthai, o rapper giovani come Aitch, Sampa The Great, ma anche cose più popolari come i Migos. Tra i dischi che più mi hanno portato ad apprezzare questo genere ci sono i primi di Roots Manuva o il successivo “Boy in da Corner” di Dizzee Rascal e le uscite della crew Roll Deep. Ero rimasto molto colpito dall’utilizzo di alcuni suoni di forte matrice elettronica e club, usati in un contesto urban / hip hop. Ma allo stesso modo mi sento sempre legato anche a una certa scena IDM, che si concretizza nei primi dischi di Aphex Twin che mi portano a usare synth e registrazioni ambientali, in contrasto con le tendenze. Ho utilizzato anche alcuni sample di voci provenienti da Tommy Wright III come piccolo tributo ad alcune ritmiche e sonorità che ho utilizzato nel disco.

Pensi che il tuo background hip hop incida sempre nella tua maniera di fare musica? Chiaramente mi riferisco ai tuoi lavori solisti, non alle produzioni per altri artisti…
L’hip hop è stato sempre molto importante per me. Anche se l’output può risultare non conforme alle “regole”, l’approccio è sempre genuino. Ho collezionato molti hardware negli anni, ma il modo di fare hip hop, per esempio, mi ricorda di utilizzare strettamente quello che si ha a disposizione. Sono legato a un certo ricordo di hip hop, per quel che riguarda la metodologia. Per me la semplicità funziona sempre, e spesso se si è in un buon mood creativo basta un laptop con un software musicale che si conosce bene, per tirare fuori una buona idea. L’hip hop nel senso di community è stato uno dei motivi per il quale ho creato il progetto/community https://thisbeat.it, che ancora sto seguendo con l’aiuto di alcuni supporter. Ma l’aspetto del beat-maker, con scratch, breaker ecc. è da dove provengo, quindi per me è sempre la prima referenza, per la quale ancora adesso ripongo molto rispetto.

Hai in programma dei live set? C’è un luogo in particolare dove ti piacerebbe suonare?
Ho presentato il mio ultimo EP al Grow lo scorso luglio e spero di presentarlo tra l’Italia e Londra. Spero di avere del tempo libero per strutturare meglio la mia esibizione live, magari aggiungendo dei visual, mi piacerebbe esibirmi live in qualche piccolo teatro o museo d’arte, o magari qualche evento multiculturale. Questo week end (sabato 28/09/19, ndr) suono di nuovo al Grow, dove celebreremo 1 anno di Pineapple Pizza con i Seeds of Creation e Strut Records. Io suonerò qualche traccia dal mio sp404 a orario aperitivo, confidando nel buon tempo!

More interviews

20/11/2019 - Interviews

Yodaman

Esce oggi “Gioco Sporco” (Yodaman Music & Antistandard Recs), album grime di Yodaman (foto di Fabio Ficara).

25/07/2019 - Interviews

ArpXp

Non è la prima volta che intervistiamo ArpXp (vedi qui). Questa volta parliamo del suo nuovo EP, "Somewhere Else", fresco di uscita per l'etichetta del Sun And Bass.

07/06/2019 - Interviews

Neuroscopia

A Milano, domani, sabato 8 giugno, Macao ospita Dom & Roland e Klone. Abbiamo intervistato i promotori della serata, le anime di Neuroscopia.  

24/05/2019 - Interviews

Exept

Gli Exept sono un duo italiano che, nel 2018, è entrato a gamba tesa nella scena europea drum and bass. Dopo l’uscita di “Kinshasa”, contenuto nella raccolta dell’etichetta Invisible, “Outlines 2”, sono entrati a far parte immediatamente del roster Methab, ...

13/05/2019 - Interviews

Inward

Inward è un producer ma anche un artista digitale e, nelle domande che gli abbiamo rivolto, ci siamo concentrati sulla sua arte 3D. 

07/05/2019 - Interviews

Phoet

"Broken Symmetry" è l'album di esordio del torinese Phoet. Già conosciuto come Ezra, il producer si è rimesso in discussione con questo nuovo alias e, anche grazie al supporto dell'etichetta Variables, sta facendo parlare molto di sé, a partire dall'...

16/04/2019 - Interviews

Nacho Tranquilo

Nacho Tranquilo è stato lanciato come l'MC lottatore e questa definizione (insieme alle sue foto con la maschera) ci ha incuriosito. 

04/04/2019 - Interviews

Xl Mad

"Badman Chronicles" è l'album d'esordio di Xl Mad, artista di origine portoricana a cui abbiamo rivolto qualche domanda (la foto in apertura è di Ila Brugal). 

20/03/2019 - Interviews

Dj Rocca

Dieci anni fa chiudeva il Maffia, un club con una storia unica in Italia, gestito da veri appassionati di musica. Ne abbiamo parlato con uno dei soci fondatori, Dj Rocca, cercando di concentrarci su quanto la drum and bass abbia contato in quell'esperienza. 

14/03/2019 - Interviews

Trust In Jungle

VSC, uno degli animatori della serata Trust In Jungle, ha raccontato a uno dei fondatori della storica Agatha Crew, Andrea Lai, come Roma vive la drum and bass oggi. Un dialogo tra due generazioni unite da ritmi underground e suoni bassosi. E tra una risposta e l'altra c'è a...

11/03/2019 - Interviews

Capibara

Dopo tante interviste, l'autore di "Omnia" (La Tempesta Dischi) risponde anche alle nostre domande, che prendono spunto da quanto e cosa gli altri hanno scritto finora...

08/03/2019 - Interviews

Beat Machine Records

Abbiamo intervistato i ragazzi di Beat Machine Records, etichetta indipendente italiana 

13/02/2019 - Interviews

Paolo Cenciarelli

Paolo Cenciarelli, fotografo, ha appena pubblicato il libro "Vangelo" per Drago. Lo abbiamo intervistato e in questa gallery trovate alcuni suoi scatti. 

01/02/2019 - Interviews

Lorenzo BITW

Lorenzo BITW, questa estate, ha pubblicato un album di 11 tracce, "Love Junction" per Friends of Friends. Lo abbiamo intervistato.

18/01/2019 - Interviews

Ila Brugal

Ila Brugal, vero nome Ilaria Mela, è una fotografa fiorentina classe '89 che vive a Londra da anni e ha fotografato soprattutto artisti della scena bass, soundsystem ed elettronica ma non solo. L’abbiamo conosciuta tramite la Numa Crew e in questa intervista ci racconta il suo perco...

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Oltre a intervistato, a DNN abbiamo chiesto anche una playlist esclusiva.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

Abbiamo incontrato il duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

Abbiamo rivolto qualche domanda ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!