20/03/2019 - Interviews

Dj Rocca

by Luca Gricinella

Dieci anni fa chiudeva il Maffia, un club con una storia unica in Italia, gestito da veri appassionati di musica. Ne abbiamo parlato con uno dei soci fondatori, Dj Rocca, cercando di concentrarci su quanto la drum and bass abbia contato in quell'esperienza. 

Dj Rocca ha animato uno dei locali che ha segnato la storia della club culture in Italia: il Maffia. Un club immerso in una provincia sui generis che Fabrizio Tavernelli, socio di Rocca nel progetto Ajello, ha definito "exotica": Reggio Emilia. 
Dj, producer e musicista attivo dalla metà degli anni ’90, Luca Roccatagliati (vero nome) le prime volte che si è messo a girare le manopole (come si diceva una volta) ha creato proprio dei pezzi drum and bass e, sempre al Maffia, specialmente nei primi anni del club - aperto nel 1995 e chiuso nel 2009 - ha incrociato vari esponenti della scena inglese (qui sotto un breve video amatoriale con Goldie ai piatti), spesso appartenenti a quella scuola con gli incroci musicali nel DNA, ben rappresentata da etichette come la Ninja Tune. Gli abbiamo fatto delle domande riguardanti soprattutto il nostro campo d’azione ma sono venute fuori tante altre cose anche perché Dj Rocca, negli anni, ha spaziato tra stili, suoni e ritmi diversi, come ci ha raccontato o come si può leggere ovunque si parli di lui. Alla fine lo abbiamo riportato sui nostri binari per farci dire quali sono i cinque brani che definiscono la sua idea di drum and bass.

Dopo anni di djing, hai iniziato a produrre e sei partito dalla drum and bass. Come hai conosciuto questo ritmo e cosa ti ha affascinato tanto da spingerti anche a crearlo?
La verità è che quando conobbi il drum and bass, nell’autunno del 1995, non facevo il Dj professionista, anzi, mi dilettavo saltuariamente e in piccoli club della mia città. Tutto coincise con l’idea di aprire il Maffia. In quel periodo ascoltavo jazz e acid jazz e le label che trattavano quel genere stavano strizzando l’occhio ai nuovi linguaggi ritmici. Così la Talkin’ Loud, che l’anno precedente mi faceva balzare dalla sedia con l’album di Galliano, nel 1995 mi stordiva con Wax Doctor. Per merito di questa scintilla andai alla ricerca di tutto quello che la scena drum and bass aveva da offrire in quel periodo, e quindi Photek, LTJ Bukem, Alex Reece, Roni Size… una scena che mi dava la sensazione di una vera e propria rivoluzione, non solo di musica da ballo, ma di linguaggi veri e propri. L’utilizzo dei sample che venivano dall’hip hop, ma accelerati, i bassi del dub, ma esasperati, i suoni del jazz, ma sintetizzati… I miei primi tentativi di produzione su questo genere, erano veri e propri scimmiottamenti al buio. Non sapevo che, per fare i sub bassi, si utilizzavano certe tecniche, che i sample ritmici erano destrutturati e ricostruiti, perciò la mia evoluzione fu aiutata da svariati produttori/Dj che passavano nel locale che nacque da lì a pochi mesi, il Maffia. Il mio primo disco drum and bass fu creato proprio all’interno del club, in uno studio allestito con altri soci del Maffia, arruolando per lo scopo Dj Peshay, il mio amico bassista dei Ridillo, e sfoderando il mio flauto traverso: così nacque, nel 1999, il singolo “Made In Italy”.

Pensi che la drum and bass abbia perso quell’urgenza che aveva negli anni ’90? Segui ancora le nuove uscite?
Non seguo più come prima la scena, ma la forza propulsiva d’innovazione che il DnB aveva nella metà dei ‘90, ora si è affievolita. Idee nuove non mi pare di vederle più… come altri generi dance, si è assestato sul proprio linguaggio. La radice afro-futuristica che ha portato al DnB, però, ha avuto diverse evoluzioni negli ultimi venti anni, facendo capolino a inizio 2000 con il UK Garage, o più tardi con il dubstep. La "bass culture" è magmatica, senza forma fissa, ed è un modo sano di vivere un suono e una filosofia artistica.

Come si può far capire, in poche parole, a un nato nel nuovo millennio cos’è stata l’esperienza del Maffia? Dimmi se sbaglio, ma già spiegargli perché Reggio Emilia e non Milano, Roma o Torino, per esempio, non deve essere così semplice…
In poche parole, una pazzia. Un’urgenza, da parte di alcuni appassionati di musica, di ricreare nella propria città il club che calzava perfettamente alle loro esigenze. Il posto dove potevi ascoltare le cose che in Italia pochi volevano proporre, in un momento storico, a mio parere, di evoluzione musicale che, invece di nascere nei luoghi accademici, passava nelle sale buie dei club più coraggiosi. Un modo di fare ricerca differente, di fare cultura, di aggregazione alternativa, di espressione intellettuale non canonica… Il fatto di essere periferici, in una città come Reggio Emilia, ci ha aiutato a non essere schiacciati dai meccanismi di concorrenza spietata, cui purtroppo devi sottostare nelle grosse città.

Oggi quali generi di musica andrebbero per la maggiore al Maffia o che tipo di artisti sarebbero più apprezzati dal pubblico che affollava le vostre serate?
In totale sincerità, oggi, un locale come il Maffia non avrebbe senso di esistere. La curiosità, il coraggio, la sperimentazione, non sono cose che in questa epoca storica mi pare raccolgano apprezzamento. Parlando in astratto, come se non dovessimo tenere conto del momento in cui viviamo, gli artisti che oggi sarebbero chiamati al Maffia, in buona parte potrebbero essere italiani. La nostra scena artistica di musica elettronica è molto più varia, attiva e matura di com’era vent’anni fa e, soprattutto, eccelle in modo trasversale attraverso i generi: techno, house, DnB, disco, elettronica sperimentale, visual… abbiamo tutto e tutto sarebbe accolto a braccia aperte in un Maffia del 2020.

Ti viene in mente qualche aneddoto emblematico sugli artisti che hanno suonato al Maffia e che magari oggi si può raccontare?
Ne avrei tantissimi da raccontare, ma dato il vostro taglio, mi limito agli artisti drum and bass, restringendo alla crew Full Cycle (Krust, Die, Roni e Suv), che al Maffia era “di casa”. Ricordo ancora Krust quando venne la prima volta nel 1997: registrava tutto su un piccolo dittafono, compreso anche il rumore dei frigoriferi del bar, dicendo che gli sarebbe servito per creare un suono di basso. Poi ho l'immagine delle groupie di Dj Die che affollavano ogni volta il camerino o ancora Die che, dopo il live dei Breakbeat Era, fece un Dj set boogie ‘80 favoloso: il pubblico si aspettava drum and bass e lui spiazzò tutti quanti. C’è stato anche Fabio che arrivò al Maffia ma la compagnia aerea non gli recapitò la valigia dei dischi. Corsi a casa e gli riempii una borsa con i miei 12” che non avrei suonato in apertura al suo set quella sera. Quando lui salì in consolle, e per le restanti due ore del suo Dj set, suonò naturalmente quei miei vinili ma quello che tutti ascoltammo fu un set meraviglioso, senza nemmeno un brano che conoscessi: suonò tutte le B side, fu indimenticabile!

All’epoca ti sembrava che ci fosse un supporto diverso da parte dei media? Mi spiego meglio: a parte i cambiamenti evidenti, le evoluzioni che conosciamo tutti (carta, web, social network ecc.), agli occhi di chi faceva e fa parte della scena, come veniva raccontata la club culture in Italia nell’epoca della sua prima apparizione e come viene raccontata oggi?
Mi inviti a nozze con questa domanda. Il Maffia si inventò un vero e proprio magazine riservato ai clienti del locale, che noi battezzammo Ultratomato. Ne avevamo necessità perché i giornali musicali che all’epoca trovavi in edicola si occupavano di rock o cose più generaliste. La nostra urgenza, quella di avere un magazine che approfondiva la musica elettronica, si risolse in un “do it yourself”. Ultratomato scavava nella club culture affrontando varie tematiche, dai videogiochi ai film, dalla filosofia fino alle cose più comuni, come le recensioni dei dischi e gli articoli di approfondimento sugli artisti che avevamo in cartellone. Noi stessi, o amici dalla penna felice (un esempio, Damir Ivic), ci occupavamo di tutto, dalle interviste, alla scrittura, alla grafica, all’impaginazione… ogni numero di Ultratomanto era gratuito e veniva spedito a casa di ogni cliente del club. Oggi invece, sulla club culture, c’è una saturazione e una diversificazione di informazione a dir poco imbarazzante. Dai blog pressappochisti a quelli super specifici, da quelli per ragazzini a quelli per nerd…

Tornando alla musica suonata e facendo un salto in avanti: quanto il tuo ultimo lavoro, “Pasta EP”, racconta il tuo percorso dagli anni ’90 a oggi?
È innegabile che, avendo assorbito l’attitudine eclettica della musica elettronica negli anni ‘90, sono personalmente incline a essere onnivoro su tutti gli stili musicali che producano uno stimolo. I generi che ho sempre prediletto sono di matrice black, dal jazz alla musica brasiliana, dall’afro al funk ma, crescendo nel periodo della new wave e dei Kraftwerk, anche gli strumenti sintetici hanno sempre avuto un grosso fascino sulla mia formazione. Il percorso che ho intrapreso negli ultimi venti anni mi ha portato a esplorare dalla disco al boogie, dal jazz all’house, dalle cose più dark a quelle più balearic. Ho avuto un progetto italo disco con influenze new wave (Ajello), uno krautrock (Crimea X), fino ad approcciare la cosiddetta sfera cosmic, collaborando con Daniele Baldelli, o quella proto house con Dimitri From Paris. Anche il dub è un genere che amo e ho recentemente realizzato un album in quello stile assieme a uno dei soci Maffia, sotto il nome di Obsolete Capitalism. Il mio ultimo “Pasta EP” potrebbe essere riassuntivo per come nel 2018 cercavo di comprendere la dream house italiana, mescolata con i breakbeat, la scuola house della nu groove, e le linee acide della TR 303. Il prossimo album, “Isole”, in uscita a fine giugno 2019, testimonia un altro momento della individuale coniugazione di generi, cercando di sposare varie influenze come la musica etnica, quella acid house, quella nigeriana anni ‘80, i suoni rave , l’house ‘90, le melodie giapponesi e l’electro con l’indie.

Girando spesso anche all’estero grazie alla tua musica, ti sono rimasti impressi in particolare dei club, negli ultimi anni, che secondo te sono da tenere d’occhio?
I ricordi più freschi li ho con due club negli Stati Uniti, il Le Bain di New York e l’18th Street Lounge di Washington. Il primo è una apoteosi di eccesso, ma nel senso migliore del termine, mentre il secondo è nel mio cuore per la meravigliosa reazione dei clienti, al 90% di colore.

Per finire ti chiederei una mini playlist di 5 brani drum and bass che rendono bene la tua concezione di questo ritmo.
Photek – “Rings Around Saturn
Hidden Agenda – “Is It Love
Dillinja – “Acid Track
Reprazent – “Brown Paper Bag
Apollo Two – “Atlantis (I Need You) LTJ Bukem Remix

More interviews

30/04/2020 - Interviews

Ltd Colours

Abbiamo avuto modo di ascoltare in anteprima “Eclipse”, il nuovo EP degli Ltd Colours e abbiamo rivolto qualche domanda ai due membri di questo interessante progetto italiano dal respiro internazionale.

10/12/2019 - Interviews

Zizzed

Zizzed ci racconta il suo intenso percorso nei ritmi elettronici, prima e dopo l'esperienza con Reset! (foto qui sopra di Marco Viggiani).  

20/11/2019 - Interviews

Yodaman

Esce oggi “Gioco Sporco” (Yodaman Music & Antistandard Recs), album grime di Yodaman (foto di Fabio Ficara).

25/09/2019 - Interviews

Railster

Railster (foto di Michela Nale) è un producer friulano residente a Londra. Ha pubblicato da poco un nuovo lavoro e con lui abbiamo parlato di questo ma anche di come vive Londra...

25/07/2019 - Interviews

ArpXp

Non è la prima volta che intervistiamo ArpXp (vedi qui). Questa volta parliamo del suo nuovo EP, "Somewhere Else", fresco di uscita per l'etichetta del Sun And Bass.

07/06/2019 - Interviews

Neuroscopia

A Milano, domani, sabato 8 giugno, Macao ospita Dom & Roland e Klone. Abbiamo intervistato i promotori della serata, le anime di Neuroscopia.  

24/05/2019 - Interviews

Exept

Gli Exept sono un duo italiano che, nel 2018, è entrato a gamba tesa nella scena europea drum and bass. Dopo l’uscita di “Kinshasa”, contenuto nella raccolta dell’etichetta Invisible, “Outlines 2”, sono entrati a far parte immediatamente del roster Methab, ...

13/05/2019 - Interviews

Inward

Inward è un producer ma anche un artista digitale e, nelle domande che gli abbiamo rivolto, ci siamo concentrati sulla sua arte 3D. 

07/05/2019 - Interviews

Phoet

"Broken Symmetry" è l'album di esordio del torinese Phoet. Già conosciuto come Ezra, il producer si è rimesso in discussione con questo nuovo alias e, anche grazie al supporto dell'etichetta Variables, sta facendo parlare molto di sé, a partire dall'...

16/04/2019 - Interviews

Nacho Tranquilo

Nacho Tranquilo è stato lanciato come l'MC lottatore e questa definizione (insieme alle sue foto con la maschera) ci ha incuriosito. 

04/04/2019 - Interviews

Xl Mad

"Badman Chronicles" è l'album d'esordio di Xl Mad, artista di origine portoricana a cui abbiamo rivolto qualche domanda (la foto in apertura è di Ila Brugal). 

14/03/2019 - Interviews

Trust In Jungle

VSC, uno degli animatori della serata Trust In Jungle, ha raccontato a uno dei fondatori della storica Agatha Crew, Andrea Lai, come Roma vive la drum and bass oggi. Un dialogo tra due generazioni unite da ritmi underground e suoni bassosi. E tra una risposta e l'altra c'è a...

11/03/2019 - Interviews

Capibara

Dopo tante interviste, l'autore di "Omnia" (La Tempesta Dischi) risponde anche alle nostre domande, che prendono spunto da quanto e cosa gli altri hanno scritto finora...

08/03/2019 - Interviews

Beat Machine Records

Abbiamo intervistato i ragazzi di Beat Machine Records, etichetta indipendente italiana 

13/02/2019 - Interviews

Paolo Cenciarelli

Paolo Cenciarelli, fotografo, ha appena pubblicato il libro "Vangelo" per Drago. Lo abbiamo intervistato e in questa gallery trovate alcuni suoi scatti. 

01/02/2019 - Interviews

Lorenzo BITW

Lorenzo BITW, questa estate, ha pubblicato un album di 11 tracce, "Love Junction" per Friends of Friends. Lo abbiamo intervistato.

18/01/2019 - Interviews

Ila Brugal

Ila Brugal, vero nome Ilaria Mela, è una fotografa fiorentina classe '89 che vive a Londra da anni e ha fotografato soprattutto artisti della scena bass, soundsystem ed elettronica ma non solo. L’abbiamo conosciuta tramite la Numa Crew e in questa intervista ci racconta il suo perco...

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Oltre a intervistato, a DNN abbiamo chiesto anche una playlist esclusiva.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

Abbiamo incontrato il duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

Abbiamo rivolto qualche domanda ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!