14/03/2019 - Interviews

Trust In Jungle

by Andrea Lai

VSC, uno degli animatori della serata Trust In Jungle, ha raccontato a uno dei fondatori della storica Agatha Crew, Andrea Lai, come Roma vive la drum and bass oggi. Un dialogo tra due generazioni unite da ritmi underground e suoni bassosi. E tra una risposta e l'altra c'è anche un assaggio dell'EP di VSC.
Nella foto qui sopra, scattata durante una serata Trust In Jungle, Inward, Hanzo & Randie con Kwality.

Nessuno pensa ormai a Roma come a una città sul mare, eppure per migliaia di anni ha avuto un porto collegato al cuore della città dal Tevere. A Roma arrivavano e da Roma partivano merci e schiavi, tesori ed eserciti. Oggi Roma è una città piena di rovine antiche che guarda attonita la rovina del suo presente. Eppure, in un pugno di artisti ancora riverbera il bisogno di connettersi col mondo, di andare oltre il banale suono che riempie la città. Sono musicisti, cantanti, attori, cuochi, intellettuali, promoter, registi, scrittori e fotografi che forse neanche si conoscono fra di loro, ma che condividono la stessa direzione. Appartengono a varie generazioni e a diversi ambienti sociali, ma si riconoscono fra di loro.

Nella scena dei club della capitale, ormai ammutolita dalla mancanza completa di coraggio e idee, stordita dal bisogno de fa gente alla porta, qualcuno si sbatte, si organizza, si mette insieme e balla a un ritmo diverso. Tanni fa è successo più o meno lo stesso a Roma. Al tempo la drum and bass stava nascendo ed era appannaggio della cultura nera inglese. Ora è diventata grande, è sopravvissuta a un po’ di acciacchi. Da quel suono sono sbocciati generi che hanno fatto nascere altri generi: dalla 2 step ai breaks, alla dubstep, alla grime. Tanti germogli dell’underground inglese che pagano tributo al pionierismo della drum’n’bass. Poi sono arrivati i bianchi, è arrivato il mainstream, dal quale poi la dnb è fuggita, forse accecata dalla troppa luce. Adesso è tornata nei club scuri, sottoterra e negli studi fumosi di tutto il mondo per nutrirsi nel suo habitat culturale.

Nonostante la completa mancanza di un qualsiasi accenno di cultura nera in Italia, anche qui la drum’n’bass ha avuto un percorso simile a quello che ha avuto nel resto del mondo. Dall’ombra alla luce, per poi tornare nell’ombra a raccontare il suono dell’adesso dal basso e con i bassi. La scena drum’n’bass di adesso ha passato la fase euforica, ora è concreta, stabile, conscia. Certo non è più solo il suono della periferia londinese, ma un suono che conosce la sua storia e che adesso la cita, rivede, modifica, aiutato da una tecnica di produzione che ne amplifica in modo micidiale la potenza sonora. Penso spesso a come suonerebbe “Bambaataa” se fosse stata prodotta adesso oppure a quanto sarebbe letale “Super Sharp Shooter” con il suono del 2019… Comunque, Roma è stata una città importante per la bass music. È stato il motore della sua diffusione in Italia grazie a una grande capacità di essere all’avanguardia e di essere porto di transito e oggi, i figli di quella generazione, si danno da fare, nel nostro caso con una serata che si chiama Trust In Jungle, un get together di produttori, Dj e appassionati che cerca il suono dell’attuale per musicare Roma, lo cerca fra i dischi per suonarlo a tutti.

Chi c’è nella crew di Trust In Jungle?
Nella crew ci sono promoter, DJ, performer e appassionati di bass music da tutto il Lazio che hanno sposato il progetto ideato da me (VSC) e Davide (Dabs).

Come vi siete conosciuti e perché avete deciso di organizzare una serata?
Quasi tutti frequentavamo le serate al Brancaleone, io e Davide ci siamo conosciuti nel 2012, avevo appena iniziato a organizzare serate, le prime serate DnB. Quando ci siamo incontrati ero un suo fan (e lo sono tutt'ora) e veniva a suonare agli eventi che organizzavo. L'idea di organizzare una serata insieme ci è venuta nel 2016, dopo essere tornati dal Sun And Bass. Era quel periodo in cui Roma era in astinenza da serate Drum'n'Bass, volevamo condividere la nostra esperienza e creare un party che trovasse le proprie radici nel suono Made in UK e che potesse essere vissuto nell'intimità del club. Eravamo seduti in un bar di Trastevere, mentre progettavamo il primo party e immediatamente abbiamo pensato all'assonanza fra Trastevere e "Trust", il resto lo abbiamo dato per scontato...

Da quanto fate serate?
La prima serata Trust In Jungle risale a ottobre 2016, ma organizziamo eventi e suoniamo da molto prima. Dabs ha iniziato come dj resident al LINUX nel 2006 per la serata Romastyle con Andypop e Ale G, mentre io ho iniziato a organizzare party nel 2012, girando per vari locali e centri sociali a Roma tra cui Brancaleone, Big Bang, Intifada e Saponeria.

C’è qualcuno nella crew che produce musica e la pubblica?
Tutti gli artisti nella crew producono musica, anche di generi diversi. I più navigati sono senza dubbio, Dabs e Inward, Hanzo & Randie che da anni pubblicano su alcune delle etichette più importanti della scena, tra cui Dispatch, Eatbrain, Cause4Cauncern e Blackout.

Com’è la situazione drum’n’bass a Roma?
Roma ha sempre avuto un forte attaccamento alla drum'n'bass, dai tempi di Agatha, fino a organizzazioni come Soundgate e Evilsound. È stata protagonista, in Italia, di tutte le fasi e le evoluzioni del genere, ma ha accusato la chiusura dei locali e dei luoghi di aggregazione simbolo come il Brancaleone (problema non solo romano) e dello stereotipo drum'n'bass = punk & drugs che non ne ha favorito lo sviluppo nei club e conseguentemente il raggiungimento di un mercato più ampio. Questi fattori hanno portato a un affievolirsi del movimento e alla difficoltà di attivare e incuriosire le nuove generazioni. Ciò nonostante a Roma, come nel resto d'Italia, stiamo assistendo alla crescita di tanti validissimi artisti che fa intravedere una rinascita del movimento.

Qual è la serata migliore che avete organizzato fino a oggi?
In poco più di due anni ci siamo tolti tantissime soddisfazioni. Parlando di numeri la serata di maggior successo è stata quella del Dj set di Pendulum a Ex Dogana: c'erano più di 1300 persone e a Roma una folla così non si vedeva da parecchio... Il primo boat party al Lian Club è stato epico, non credo fosse mai successo a Roma che si ballasse DnB in un barcone sul Tevere e le vibe le potevi quasi toccare. A ogni serata si respira sempre una bellissima atmosfera, però, la prima volta non si scorda mai. Quella nei sotterranei di Palazzo Velli (un palazzo del ‘400 nel centro di Roma), con Was a Be, Kwality, Dabs e VSC rimane la nostra serata migliore, è stato il manifesto del progetto ed è dove abbiamo conosciuto Ernesto (Ernest Powell), uno dei nostri resident, oltre che un fratello.

Ci sono altre realtà oltre a voi a Roma?
Se parliamo di drum'n'bass/jungle siamo gli unici a portare avanti una serata con continuità. Quest'anno grazie alla residenza al Rashõmon Club siamo riusciti a riunire quasi tutti gli artisti e i promoter del territorio. Siamo contenti di lavorare a un unico obbiettivo con realtà come RUM e Need4Bass: siamo convinti che l'unione faccia la forza! In città ci sono anche altre realtà interessanti che si occupano di bass music come Amen, Since e Mox che portano avanti progetti di primissima qualità e con le quali abbiamo avuto il piacere di collaborare.

All’inizio degli anni 2000, ascoltare la drum'n'bass era anche un modo di vivere la città, anche a Roma. Per voi è lo stesso adesso?
Fino all’avvento dei social potevi sentire quel brivido avventuroso ogni volta che uscivi e andavi ad una serata, magari in un locale o in una zona della città che non conoscevi. Ora puoi sapere cosa accade dall’altra parte della città, se stanno suonando la musica che ti piace o meno... sicuramente più comodo ma è un modo diverso di vivere la città. Comunque respiriamo la nostra musica ogni giorno, in città, in quello che facciamo, come produttori e Dj, però chiaramente la serata è l’apice. Forse viviamo un po’ più singolarmente la cosa e probabilmente adesso la passione per la drum’n’bass e la voglia di farla fanno uscire più artisti che ascoltatori. È un po’ più una cosa da casa, noi stiamo cercando di far uscire le persone e far vivere qualcosa che vada oltre le produzioni e diventi qualcosa di collettivo. Vogliamo creare una comunità.

Fra gli anni ‘90 e gli anni 2000 se andavi in alcuni negozi a Londra ed eri bianco non ti davano i dischi buoni, a meno che non fossi amico di qualcuno. Siete legati alla DnB nera o all’evoluzione che ha avuto nel corso degli anni diventando sempre più appannaggio di produttori bianchi?
Molti di noi si sono affacciati per la prima volta alla drum'n'bass grazie ad artisti come Ed Rush, Noisia e Pendulum e all'esplosione della neurofunk, ma siamo fermamente attaccati alle radici di questo genere e a quell’atmosfera tipica del rito tribale che ti viene trasmesso durante un set old skool jungle. Nelle nostre serate ci piace spaziare tra le diverse sonorità di questa musica. Forse la risposta esatta è che ci sentiamo legati a entrambi i filoni, in fondo crediamo che esistano soltanto due tipi di drum'n'bass, quella buona e quella di m... In conclusione, ormai è diventato molto semplice per un Dj trovare nuovi dischi, nell'era del digitale, quindi per trovare quelli buoni basta soltanto cercare con cura.

Sono molto curioso di sapere e capire che immagine avete voi della drum’n’bass, che siete molto giovani e che al momento dell’apice mondiale del genere probabilmente eravate alle elementari.
Siamo giovani ma siamo molto appassionati e crediamo che per avere un'immagine chiara di cosa rappresenta la DnB, bisogna conoscerne a fondo il passato, il retaggio: it’s a serious thing! È vero, suoni, stili e party sono cambiati molto da quei tempi ma crediamo che l'anima sia rimasta sempre la stessa, parliamo di un genere che esce fuori dagli schemi che ha le basi nella libertà, nello studio del suono e nella mescolanza di culture urbane.

Viaggiate per andare a sentire altri Dj in giro per il mondo?
Assolutamente sì! Purtroppo, per ascoltare alcuni artisti non c'è altro modo che andare all'estero e non perdiamo occasione per goderci festival come l'Outlook o Let It Roll, dove alcuni di noi hanno anche suonato (Dabs, Inward Hanzo & Randie, VSC) o una serata a Londra. Sono le esperienze che ci danno la maggiore fonte d'ispirazione. Fortunatamente esiste il Sun And Bass con il quale, una settimana all'anno, l'intera scena si sposta in Italia, in Sardegna.

È ancora Londra la città della DnB per voi, come lo era per noi?
Senza ombra di dubbio! L'universo DnB è lì che gira, i migliori party, i locali, gli artisti. Ci sono altre realtà come quella olandese o dell'est Europa, in particolare della Repubblica Ceca che sono in ascesa, ma l'aria che si respira a Londra è tutta un'altra cosa. Il Fabric, la serata Rupture ai Corsica Studio... vengono i brividi solo a pensarci. La DnB è un genere che nasce come risposta a un bisogno iper-contemporaneo, e che non prevede un revival, voi vi dedicate al ripescaggio di vecchie tracce? Siamo attentissimi alle nuove tendenze e durante ogni set proponiamo le produzioni più fresche in circolazione. Allo stesso tempo ci teniamo a far ascoltare tracce che il pubblico potrebbe essersi perso... Il revival inteso come suonare vecchie hit non ci appartiene ma quello del ripescare tracce "dimenticate", il diggin' in the crates, è un’azione a cui siamo molto affezionati. Qual è il vostro suono di riferimento? Amen Break, bassi profondi e chi groove ne ha groove ne metta. Durante la serata suonate anche altri generi che hanno a che fare con la bass music, come reagisce il pubblico? Nei nostri party le aperture sono quasi sempre a sfondo UK bass o breakbeat, da quest'anno con la possibilità di avere una seconda sala stiamo proponendo set che spaziano dall'acid house alla garage, grazie a Dj navigati come Bob Tha Funk. Il pubblico risponde molto bene!

More interviews

24/05/2019 - Interviews

Exept

Gli Exept sono un duo italiano che, nel 2018, è entrato a gamba tesa nella scena europea drum and bass. Dopo l’uscita di “Kinshasa”, contenuto nella raccolta dell’etichetta Invisible, “Outlines 2”, sono entrati a far parte immediatamente del roster Methab, ...

13/05/2019 - Interviews

Inward

La nostra intervista a Inward, producer e artista digitale. 

07/05/2019 - Interviews

Phoet

"Broken Symmetry" (qui sotto lo streaming) è l'album di esordio del torinese Phoet. Già conosciuto come Ezra, il producer si è rimesso in discussione con questo nuovo alias e, anche grazie al supporto dell'etichetta Variables, sta facendo parlare molto di s&eac...

16/04/2019 - Interviews

Nacho Tranquilo

Nacho Tranquilo è stato lanciato come l'MC lottatore e questa definizione (insieme alle sue foto con la maschera) ci ha incuriosito. 

04/04/2019 - Interviews

Xl Mad

"Badman Chronicles" è l'album d'esordio di Xl Mad, artista di origine portoricana a cui abbiamo rivolto qualche domanda (la foto in apertura è di Ila Brugal). 

20/03/2019 - Interviews

Dj Rocca

Dieci anni fa chiudeva il Maffia, un club con una storia unica in Italia, gestito da veri appassionati di musica. Ne abbiamo parlato con uno dei soci fondatori, Dj Rocca, cercando di concentrarci su quanto la drum and bass abbia contato in quell'esperienza. 

11/03/2019 - Interviews

Capibara

Dopo tante interviste, l'autore di "Omnia" (La Tempesta Dischi) risponde anche alle nostre domande, che prendono spunto da quanto e cosa gli altri hanno scritto finora...

08/03/2019 - Interviews

Beat Machine Records

Abbiamo intervistato i ragazzi di Beat Machine Records, etichetta indipendente italiana 

13/02/2019 - Interviews

Paolo Cenciarelli

Abbiamo intervistato Paolo Cenciarelli (nella foto in homepage), fotografo che ha appena pubblicato il libro "Vangelo" per Drago. In questa gallery trovate alcuni suoi scatti. 

01/02/2019 - Interviews

Lorenzo BITW

Abbiamo intervistato Lorenzo BITW che, questa estate, ha pubblicato un album di 11 tracce, "Love Junction" per Friends of Friends. 

18/01/2019 - Interviews

Ila Brugal

Ila Brugal (foto in homepage), vero nome Ilaria Mela, è una fotografa fiorentina classe '89 che vive a Londra da anni e ha fotografato soprattutto artisti della scena bass, soundsystem ed elettronica ma non solo. L’abbiamo conosciuta tramite la Numa Crew (qui sotto trovate anch...

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Abbiamo intervistato e chiesto una playlist esclusiva a DNN.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

La nostra intervista al duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

La nostra intervista ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!