11/03/2019 - Interviews

Capibara

by Andrea Lai

Dopo tante interviste, l'autore di "Omnia" (La Tempesta Dischi) risponde anche alle nostre domande, che prendono spunto da quanto e cosa gli altri hanno scritto finora...

Roma ha sfornato un altro bel disco, che ancora una volta racconta una città musicalmente gonfia di energia e coraggio. Forse perché la Santa Roma è così tanto un delirio che stare in studio abbracciato a synth e sequencer sta diventando più bello che passeggiare davanti al cuppolone (aka San Pietro). La Città Eterna ha pasciuto un produttore che negli anni è cresciuto, è diventato un ometto e ora ha messo fuori "Omnia" (qui sotto lo streaming). Noi di Hellmuzik siamo probabilmente gli ultimi nella fila di quelli che hanno scritto e commentato questo disco, perché ci andava di stare a guadare che effetto avrebbe fatto il drop di un album così. Però poi ci siamo trovati con tutte le parole occupate già, con tutte le metafore usate già e quindi senza mezzi per dire la nostra sul disco.

Niente, tabula rasa. E mo’ che scriviamo? Dannazione, potevamo muoverci prima?

Comunque, nonostante il ritardo, avevamo voglia di dire la nostra e, comunque, si tratta più o meno di un disco di elettronica e dei dischi elettronici si può scrivere qualsiasi cosa, no? Purtroppo, non è un disco di musica elettronica, ma il disco di un autore che parla anche senza usare parole e che al posto della chitarra usa il sidechain. Ah, ci siamo anche dimenticati di dire di chi stiamo parlando. L’autore di "Omnia" è Capibara aka Luca Albino, uno che scrive album come fanno i cantautori, cioè con un inizio e una fine, con un racconto dentro che alla fine ti lascia un pezzettino di sé dentro, come sa fare un bel libro. Visto che "Omnia" non è un disco di musica elettronica, non possiamo snocciolare parole a caso, lodando scelte sonore uniche o groove avvincenti, qualsiasi cosa vogliano dire queste parole, ma visto che molto è stato già detto, abbiamo pensato di chiedere chiarimenti a Capibara su alcune frasi che abbiamo trovato scritte in modo ricorrente negli articoli che hanno parlato di "Omnia". Insomma, un’intervista sulle interviste, una meta intervista da malati di mente.
"Omnia", è un disco che parla tanto, senza usare tante parole, un album nel quale tutto sembra avere un senso, perché il senso cresce in chi lo ascolta mentre lo ascolta. In questo "Omnia" ricorda alcuni dischi della fine degli anni ’90, anni in cui la musica elettronica era chiamata dal mercato a cimentarsi con gli album, dopo essere vissuta per tanto tempo a forza di singoli, con un risultato che era a cavallo fra rave e pop, fra ballo e canto.

“Disco come riassunto di sé stesso”. Pensi che sia possibile fare musica senza “riassumersi”, versarsi in quello che si produce?
Penso sia impossibile dare luce a qualsiasi forma di arte senza che l’autore metta anche una minima parte di sé stesso, della sua esperienza e delle sue idee, in essa. Anche se provasse a prenderne completamente le distanze, la sua opera non potrebbe che essere figlia diretta della sua vita ed esperienza.

L’album sembra un Dj set fatto a pezzi, nel senso che è omogeneo e che potrebbe tranquillamente essere un set mixato. “Disco con molti generi dentro”. Pensi che basti cambiare ritmo per cambiare genere?
O penso che basti cambiare genere per cambiare ritmo? A parte le battute brutte, credo che ormai molte suddivisioni di generi siano diventate sempre più sottili, ormai un cantante pop così come anche un produttore elettronico "underground", subiscono influenze da moltissimi generi contemporaneamente, il mercato è cambiato - soprattutto all'estero è un mercato orizzontale, con milioni di opzioni di scelta ogni singola volta. Inevitabilmente, quando i numeri sono così alti, le cose iniziano a mischiarsi, mescolarsi, nelle idee, nella testa delle persone e dunque anche di chi fa musica.

Manifesto è la parola che forse ho letto più spesso nelle recensioni di "Omnia". È il manifesto di cosa?
Di me. Di una persona X in un periodo X. Forse più che manifesto, quasi un riassunto.

Sembra che chi ha scritto del disco in alcuni casi abbia lasciato che la fantasia prendesse il sopravvento rispetto alla critica di un disco. Qualcuno ha parlato di Dolcezza e Aridità nel disco. Secondo te ci sono pezzi dolci e pezzi aridi? 
C’è sia dolcezza arida che aridità dolce. 

“Disco al di fuori di ogni schema” O forse è “solo” un disco contemporaneo? Un disco che sta a suo agio negli scaffali di dischi accanto ad altri album semplicemente contemporanei. Passi del tempo a pensare come essere fuori dagli schemi? 
No, passo il mio tempo a giocare ai videogiochi, a guardare Twitch, a leggere (ora sono sotto con Roth) e basta. Anche perché, come dico sempre, se volevo fare soldi o avere fama, avrei scelto un altro tipo di musica. 

Ho letto un sacco di cose su "Omnia", molte dissertazioni perfino sui testi, cosa che quando esce un disco trap non accade. Quando la musica è strumentale è obbligatorio usare più parole per raccontarla? 
Non credo che dipenda se ci siano o meno parole, credo che a suscitare questa reazione, che evidenzi tu, sia stato il fatto che è stato percepito come un disco che aveva al suo interno una forte componente narrativa, anche autobiografica diciamo; e del fatto che questa cosa sia "arrivata" non posso che esserne contento. Usare tante parole per raccontare cosa ha tanto da raccontare, a prescindere dal genere, è sempre un qualcosa di molto gratificante per un artista.

Domanda extra da malati di pro-audio: Non ti disturba il fatto di passare ore a lavorare sul suono di un pezzo, sapendo che poi l’ascolto medio è quello con il telefonino?
Assolutamente, io lo faccio principalmente per me. Deve piacere a me medesimo e soddisfare le mie orecchie per primo. Poi se qualcuno che non sia io, percepisce e apprezza la ricerca o la scelta di suoni e altro, allora ben venga. Ma non vado di certo a pensare alla fruibilità del mio prodotto mentre lo produco.

More interviews

30/04/2020 - Interviews

Ltd Colours

Abbiamo avuto modo di ascoltare in anteprima “Eclipse”, il nuovo EP degli Ltd Colours e abbiamo rivolto qualche domanda ai due membri di questo interessante progetto italiano dal respiro internazionale.

10/12/2019 - Interviews

Zizzed

Zizzed ci racconta il suo intenso percorso nei ritmi elettronici, prima e dopo l'esperienza con Reset! (foto qui sopra di Marco Viggiani).  

20/11/2019 - Interviews

Yodaman

Esce oggi “Gioco Sporco” (Yodaman Music & Antistandard Recs), album grime di Yodaman (foto di Fabio Ficara).

25/09/2019 - Interviews

Railster

Railster (foto di Michela Nale) è un producer friulano residente a Londra. Ha pubblicato da poco un nuovo lavoro e con lui abbiamo parlato di questo ma anche di come vive Londra...

25/07/2019 - Interviews

ArpXp

Non è la prima volta che intervistiamo ArpXp (vedi qui). Questa volta parliamo del suo nuovo EP, "Somewhere Else", fresco di uscita per l'etichetta del Sun And Bass.

07/06/2019 - Interviews

Neuroscopia

A Milano, domani, sabato 8 giugno, Macao ospita Dom & Roland e Klone. Abbiamo intervistato i promotori della serata, le anime di Neuroscopia.  

24/05/2019 - Interviews

Exept

Gli Exept sono un duo italiano che, nel 2018, è entrato a gamba tesa nella scena europea drum and bass. Dopo l’uscita di “Kinshasa”, contenuto nella raccolta dell’etichetta Invisible, “Outlines 2”, sono entrati a far parte immediatamente del roster Methab, ...

13/05/2019 - Interviews

Inward

Inward è un producer ma anche un artista digitale e, nelle domande che gli abbiamo rivolto, ci siamo concentrati sulla sua arte 3D. 

07/05/2019 - Interviews

Phoet

"Broken Symmetry" è l'album di esordio del torinese Phoet. Già conosciuto come Ezra, il producer si è rimesso in discussione con questo nuovo alias e, anche grazie al supporto dell'etichetta Variables, sta facendo parlare molto di sé, a partire dall'...

16/04/2019 - Interviews

Nacho Tranquilo

Nacho Tranquilo è stato lanciato come l'MC lottatore e questa definizione (insieme alle sue foto con la maschera) ci ha incuriosito. 

04/04/2019 - Interviews

Xl Mad

"Badman Chronicles" è l'album d'esordio di Xl Mad, artista di origine portoricana a cui abbiamo rivolto qualche domanda (la foto in apertura è di Ila Brugal). 

20/03/2019 - Interviews

Dj Rocca

Dieci anni fa chiudeva il Maffia, un club con una storia unica in Italia, gestito da veri appassionati di musica. Ne abbiamo parlato con uno dei soci fondatori, Dj Rocca, cercando di concentrarci su quanto la drum and bass abbia contato in quell'esperienza. 

14/03/2019 - Interviews

Trust In Jungle

VSC, uno degli animatori della serata Trust In Jungle, ha raccontato a uno dei fondatori della storica Agatha Crew, Andrea Lai, come Roma vive la drum and bass oggi. Un dialogo tra due generazioni unite da ritmi underground e suoni bassosi. E tra una risposta e l'altra c'è a...

08/03/2019 - Interviews

Beat Machine Records

Abbiamo intervistato i ragazzi di Beat Machine Records, etichetta indipendente italiana 

13/02/2019 - Interviews

Paolo Cenciarelli

Paolo Cenciarelli, fotografo, ha appena pubblicato il libro "Vangelo" per Drago. Lo abbiamo intervistato e in questa gallery trovate alcuni suoi scatti. 

01/02/2019 - Interviews

Lorenzo BITW

Lorenzo BITW, questa estate, ha pubblicato un album di 11 tracce, "Love Junction" per Friends of Friends. Lo abbiamo intervistato.

18/01/2019 - Interviews

Ila Brugal

Ila Brugal, vero nome Ilaria Mela, è una fotografa fiorentina classe '89 che vive a Londra da anni e ha fotografato soprattutto artisti della scena bass, soundsystem ed elettronica ma non solo. L’abbiamo conosciuta tramite la Numa Crew e in questa intervista ci racconta il suo perco...

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

03/12/2018 - Interviews

DNN

Oltre a intervistato, a DNN abbiamo chiesto anche una playlist esclusiva.

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

Abbiamo incontrato il duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

Abbiamo rivolto qualche domanda ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!