03/12/2018 - Interviews

DNN

by Think'd

Abbiamo intervistato e chiesto una playlist esclusiva a DNN.

Daniele Becce, in arte DNN (foto di Davide Bernardi), dj e producer milanese, è parte della crew Lobo - assieme a Daemon Tapes, Turbojazz e ormeye - molto attiva con eventi bass music e raw beats al Leoncavallo, a Macao e in altri spazi chiave del clubbing meneghino. Negli ultimi anni hanno ospitato Swindle, gran parte della Deep Medi con Mala, Gantz, Commodo e Kaiju, Chimpo, Lamont, Moresounds, Schackleton & Peverelist, Daedelus e tanti altri ancora. Con lui abbiamo parlato della scena italiana, di quella milanese e del suo percorso personale. Inoltre ha fatto una playlist esclusiva per Hellmuzik.

Come giudichi l'evoluzione della bass music in Italia negli ultimi dieni anni?
In Italia abbiamo sempre avuto ottimi producer e la scena è cresciuta sempre molto lentamente ma con costanza. Non abbiamo la storia e la cultura che c'è in UK ma credo che stiamo andando nella direzione giusta, stiamo facendo il nostro creando e modificando quello che ci viene meglio, più che bass music parlerei di musica elettronica in generale. Si sta formando uno strato ampio di appassionati tout court dei suoni elettronici che speriamo scoprano e consumino anche generi meno mainstream e ricercati, oltretutto gli eventi sono sempre più pieni ma manca ancora l'attenzione dei media che cavalcano le ondate ma poi finisce lì, poca attenzione e poca voglia di rischiare.

Nella storia del clubbing milanese, sempre connesso a ciò che spingi da anni, c'è qualche episodio chiave da menzionare o più in generale un periodo storico più florido e/o fondamentale?
Episodi ce ne sarebbero tantissimi, diciamo che da almeno sette anni siamo in un bel momento: tanti eventi, tanta gente e tanto spazio per tutti. Come molti, ho scoperto tutto quello che mi piace e che seguo ora in Pergola e rimango affezionato a un certo tipo di atmosfere e un modo di vivere il clubbing ben preciso: tutto quel fermento dei primi anni ‘00 c’era perché ci sudavamo tutto, era proprio diverso, era più difficile scoprire cose e si era più affamati ma non dico che sia meglio o peggio, solo molto diverso. Ora è più facile da un lato ma più difficile dall'altro, il pubblico è aumentato e cerca cose diverse, si è persa un pochino quella fotta e i ragazzi che iniziano ora vogliono tutto e subito. È bello perché raccogli subito tanto consenso ma dura molto poco: chi costruisce le cose piano piano vince. Ah, e mi piacerebbe vedere più gente dietro la consolle e meno su FB, vorrei di nuovo i ragazzi incollati dietro il DJ, serve questo per creare una scena, molto più dei like.

Collegandoci a questo discorso: non vivo a Milano da tanto da poter esprimere un parere completo sull'argomento (perché non conosco tante fasi storiche e tanti personaggi...) ma non mi è mai parso ci fosse unione o comunque collaborazione/rispetto tra le varie realtà legate al mondo bass. Mi è sempre sembrata una guerra tra “poveri” con conseguente frammentazione e dispersione, come d'altronde c'è stata e c'è tuttora in altri ambienti musicali. Come mai secondo te? Classica mentalità italiana o difficoltà di visioni nel voler promuovere un qualcosa che comunque, escludendo magari la parte drum and bass, ha sempre avuto difficoltà ad avere un pubblico stabile e informato?
Io sinceramente non vedo tutta questa frammentazione, vedo tante persone che fanno cose diverse e che si parlano poco, questo sicuramente, ma penso sia per il discorso che facevo prima: si consuma tutto velocemente e non si riesce a crescere, si esplode ma poi finisce lì. Dal canto mio, vedo tanti ragazzi e tante realtà che esistono solo on line e mi piacerebbe veramente vedere anche dal vivo tutta la gente che, sullo schermo, supporta questo movimento. Prima dicevo che vorrei tutti dietro la consolle, vorrei i ragazzi che parlano di dischi e che non hanno paura di imparare, mi sembra che ce ne siano pochi, tutti gelosi del successo degli altri e impazienti di sfondare. Per me il problema è solo questo, mancanza di comunicazione e un provincialismo che fa fatica ad andare via. Quindi posso solo dire di uscire di più, parlarsi e ritornare ad avere la voglia di rischiare solo perché ci crediamo.

A livello di produzione hai pubblicato release su Mnemonic Dojo e CT-HI, per citarne un paio, spaziando da bassline dub oriented a puri future beats, fino ad accenni addirittura juke sull'EP sotto Elastica già nel 2015. In quest'ultimo caso non proprio suoni tipici bass e che ancora pochissime etichette italiane propongono. Curiosi dell'evoluzione che ne può conseguire, potremmo ascoltare qualcosa di nuovo a breve?
Da un paio di anni sono chiuso in studio per costruire qualcosa di nuovo, sicuramente uscirà qualcosa nei prossimi mesi e un nuovo progetto in cui sto mettendo tutto quello che mi piace e che mi gasa in questo momento. Purtroppo non posso dire ancora niente…

Con Lobo fate da anni un lavoro di direzione artistica e promozione non indifferente, attualmente sia negli eventi che su Radio Raheem. Continuerete? Avete novità in cantiere?
La collaborazione con Radio Raheem ci permette di far conoscere la nostra musica, il nostro immaginario: è bellissimo avere ogni due settimane uno show che racchiude tutto quello che ascoltiamo (siamo quattro DJ e produttori prima di tutto)… gli eventi sono il contorno, la valvola di sfogo che ci permette di crescere come artisti principalmente. Fino a novembre siamo stati fermi ripensando e cercando di darci anche un’identità sonora (c'è una release in cantiere e tante novità "grafiche") poi sicuramente continueremo a proporre il nostro party a Macao con i ragazzi di Tropic Disco Sound System e da gennaio a giugno altri due o tre eventi in giro, alcuni delle belle sorprese per gli amanti dei suoni di Bristol e Manchester.

More interviews

12/12/2018 - Interviews

Was a be

È appena uscito "Overstep", il terzo EP su Shogun Audio a firma Was a be, ossia Fabio Forcella, producer e Dj originario di Como. Fino a pochi mesi fa dietro questo nome d'arte c'era anche Ivan Sarchi ma ora, con il passaggio da duo a progetto solista, in qualche modo s...

29/11/2018 - Interviews

Kush Clouds

La nostra intervista al duo milanese Kush Clouds, autore dell'EP "JOINT1".

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

La nostra intervista ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!