05/11/2018 - Interviews

Aquadrop

by Luca Gricinella

La nostra intervista ad Aquadrop, dj e producer milanese del roster di Doner Music.

Ad Aron Airaghi, aka Aquadrop, uno dei producer italiani più eclettici e più noti a livello internazionale (ha prodotto la colonna sonora per il telefilm "Skins" di MTV America e tra le etichette con cui incide c’è Mad Decent, per dirne due), abbiamo fatto un po’ di domande sul suo rapporto con la bass music e chiesto una playlist a tema, che ha compilato in esclusiva per noi e potete ascoltare qui sotto.

Come si è evoluto e qual è il tuo rapporto, sia da ascoltatore sia da producer (se le due cose si possono separare), con i vari generi della bass music? Hai qualche predilezione, per esempio?
I passaggi fondamentali sono stati dubstep, bassline ed UK garage, post-dubstep (alla James Blake di “CMYK”, per capirci), trap, twerk, house con tutte le sfaccettature, moombahton e future dancehall e infine future bass. Sono stranamente in ordine temporale, purtroppo ho lasciato perdere alcuni generi come il breakbeat, il jersey club e il footwork, che mi piacciono parecchio. Altri li ho skippati con gran piacere, tipo quelli più spinti (la jungle terror, per esempio) e quelli da festival dei bambini (buona parte dell'EDM a cassa dritta). Non ho un genere preferito, mi piace mescolare gli elementi per inventare qualcosa di originale.

Una vecchia questione: parlare oggi di dubstep, che effetto ti fa? Ti sembra una cosa del tutto passata, come dicono molti, oppure vedi ancora la sua presenza e influenza nelle produzioni elettroniche contemporanee?
Fa strano, ma in fondo alcuni elementi della dubstep si trovano in tanti altri generi come la bass-house o la trap / hybrid-trap. Personalmente sono cresciuto con ‘Dubstep Warz’ di Mary Anne Hobbs (grazie a lei e Skream ho fatto i miei primi passaggi radio su BBC), quando c'era la vera scena dubstep dei bei tempi, per cui ascoltare oggi quella roba che sembra stiano tirando il collo alle galline non mi fa impazzire. La brostep è stata un po' l'anticamera del decadimento della dubstep.

Tra i ritmi che forse non hai mai "frequentato", c'è la drum and bass, o sbaglio? Te lo chiedo perché qui su Hellmuzik ne parliamo tanto. In ogni caso cosa ne pensi, visto che è una scena in cui ci sono vari producer italiani che si stanno facendo strada all'estero?
Non ho mai prodotto nulla di drum and bass, ma adoro il genere. Il primo pezzo che ho ascoltato credo sia “Origin Unknown - Valley of Shadows”, però quella è jungle. Da “piccolo” ho visto Kemistry (RIP) & Storm, Aphrodite, Dj Hype e Roni Size (live set) dal vivo; ho - ancora intatto - il doppio cd “New Forms” (“Watching Windows” è in loop nella mia testa da sempre), “Wormhole” e “The Creeps” di Ed Rush & Optical e qualche vinile fighissimo tra cui “Diary of a Digital Soundboy” di Shy FX, qualcosa di Dillinja, Matrix & Futurebound e qualcosa dei Pendulum. Penso sia un genere davvero figo, rimasto fortunatamente quasi puro forse perché tecnicamente, a livello di produzione, è parecchio difficile farlo come si deve.

A proposito di estero, tra i vari producer e dj internazionali che ti hanno lodato o con cui hai collaborato, ci sono Diplo e Skrillex... quante porte effettive aprono certi endorsement?
Le collaborazioni, in un senso ampio - non intendo solo collab tra artisti ma con vere e proprie realtà discografiche - danno molte più opportunità per quanto riguarda i placement: grosse aziende e music supervisor che si fidano quasi alla cieca, addetti ai lavori e giornalisti interessati. Diciamo che fa curriculum, per cui hai vantaggi sotto molti aspetti. Per esempio, ho fatto la musica per uno spot con Iggy Azalea e, se non ci fossero stati Diplo e Mad Decent di mezzo, non sarebbe mai successo.

Sapendo che spazi sempre molto, puoi comunque dirci su quali ritmi e sonorità si sta orientando la tua produzione musicale attuale?
Posso rispondere con il simbolo dell'infinito? In questo preciso momento sto scrivendo mentre ascolto il mix di un nuovo pezzo prodotto e cantato da me che inizia più o meno trap, poi fa un salto negli anni '80 e ritorna su una linea in stile Disclosure.

Ultimamente hai visto (dal vivo o in video) qualche dj set che in qualche modo ti ha impressionato per originalità?
Sono quasi sempre in studio a lavorare sui miei pezzi, i set che guardo più spesso sono proprio quelli di Dubstep Warz e alcune routine di DJ Qbert.

Per finire, una curiosità: come è nato il tuo remix dell’anno scorso del pezzo di Calypso Rose con featuring di Manu Chao?
Ero appena arrivato nel paesino dove vado di solito in vacanza, tempo cinque minuti e l'A&R di Mad Decent e Diplo mi chiedono se ho voglia di fare il remix (pensa che volevo lasciare pc ed aggeggi vari a casa…). Il brano originale è molto bello, per cui ho deciso di non snaturarne troppo la forma rendendolo però più danzabile. Il fatto di essere in vacanza e poter lavorare su un progetto così importante mi ha preso benissimo ed il risultato è stato un mix super allegro di twerk e (forse) moombahton.

More interviews

06/11/2018 - Interviews

Stefano Ghittoni

Stefano Ghittoni (foto in homepage di Matteo Ghittoni) ci racconta "Mezzanine" e le atmosfere del 1998, anno di uscita di questo disco che i Massive Attack celebrano con un tour in arrivo anche in Italia nel 2019. 

19/10/2018 - Interviews

Ltd Colours

La nostra intervista ai due Ltd Colours (foto di Matteo Bellomo).

10/09/2018 - Interviews

Damianito

A maggio scorso, sulle pagine di Dj Mag abbiamo dedicato la nostra rubrica mensile a Damianito intitolando il pezzo "storia italiana di un dj in ascesa mondiale". Già, perché il ragazzo, partito da Matera, quest'anno ha vinto l'edizione internazionale del Red Bull 3St...

25/07/2018 - Interviews

Alessandro Romeo

Andrea Lai ha intervistato per noi il sound designer Alessandro Romeo che, nel 2015, ha fondato SampleTraxx.

25/06/2018 - Interviews

Andrea Mi

Leccese di base a Firenze, DJ, boss del radioshow Mixology, giornalista per Controradio e Soundwall, docente IED e Laba, collaboratore per il brand Vìen e la label OOH-sounds, Andrea Mi è stata una scelta super spontanea per le nostre interviste, avendo ricoperto nella storia della bas...

10/06/2018 - Interviews

Think’d

Think’d, rapper e dj, nel 2009 ha fondato Unctrl Alt Canc, uno dei primi progetti di bass music del Sud Italia e da anni, insieme al duo LTD Colours, anima il programma radiofonico Safe dove ha ospitato mix di artisti come Wallwork, Numa Crew, Deadroom, Mace e tanti altri, proponendo ritm...

28/05/2018 - Interviews

Leonard P (Grimeit)

Leonard P, fiorentino, da pochi mesi ha ideato un’etichetta insieme ai suoi soci della Numa Crew e a Dj Foster: Grimeit. L'esordio del marchio è avvenuto circa sei mesi fa con l'uscita del disco di Ninjaz MC, "Showgun". Nessun approccio purista: il grime è solo ...

21/05/2018 - Interviews

Merikan

Giuliano Gronholz aka Merikan, dj e producer classe 1990, da quando ha quindici anni è appassionato di elettronica e soprattutto di drum and bass. Ha vissuto a Londra ma da qualche tempo è tornato nella sua Napoli. Fa parte di MethLab Recordings e ha pubblicato alcune delle sue tracce ...

27/04/2018 - Interviews

Was a Be & Synth Ethics

Subtitles Music, Shogun Audio, The Dreamers Recordings e un EP appena uscito sulla prestigiosa Critical Music. Di chi stiamo parlando? Di quattro produttori italiani che fanno musica che potrebbe tranquillamente venire da Marte e invece sono italiani: Was a Be e Synth Ethics. Li abbiamo incontrati p...

08/01/2018 - Interviews

Inward, Hanzo & Randie

Inward, Hanzo & Randie sono tre produttori drum and bass tra i più attivi nella scena italiana e internazionale. Sono appena tornati da Londra dai DnB Arena Awards, il loro album era candidato tra i migliori del 2017 e, anche se non hanno vinto, si tratta comunque di un traguardo importan...

18/12/2017 - Interviews

Neve

Neve è producer, Dj e A+R di The Dreamers Recordings, etichetta di Torino che sta facendo molto parlare di sé, soprattutto all’estero e in particolare in Inghilterra. Lo scorso giugno, un suo Dj set ha aperto il primo round di Hellmuzik al Red Bull Culture Clash. Oggi esce un suo...

11/12/2017 - Interviews

Maztek

Maztek è di Roma. Suona da quando aveva 18 anni ed è passato dalla chitarra ai piatti e dai rave illegali ai club di tutto il mondo. Dal 2014 vive in Olanda dove è riuscito a mettere a fuoco la sua carriera e trovare il terreno fertile per arrivare a pubblicare su Ram, Regenade ...

04/12/2017 - Interviews

Ninjaz MC

Showgun (Grimeit), in uscita il 7 dicembre, è l’album di esordio di Ninjaz, MC della Numa Crew, collettivo toscano che rappresenta al meglio la via italiana alla bass music e che ha appena fondato Grimeit, etichetta dedicata proprio a questi suoni. L’artista fiorentino in questo d...

20/11/2017 - Interviews

ArpXP

Simone Deiana aka ArpXP è un DJ e producer sardo con uno stile che fonde drum'n'bass, jungle e future soul. Ha prodotto per etichette di punta come Metalheadz, V, Critical, Chronic fino alle più piccole e "future thinking" come Absys, Authentic, IM:Ltd e, vista la sua...

06/11/2017 - Interviews

Andrea Lai

Fondatore, insieme al compianto Riccardo Petitti, della seminale Agatha crew, Andrea Lai, romano, vive di musica dall'inizio degli anni '90, ricoprendo vari ruoli. La sua predilezione per tutta la bass music e il suo occhio aperto su tanti altri ritmi lo hanno portato a suonare tre volte, da...

23/10/2017 - Interviews

Kiril

Critical Music compie quindici anni e, per festeggiare, l’etichetta inglese sta facendo un tour mondiale. Il 31 ottobre la serata Critical Sound atterra al Centralino Club di Torino con il suo leader e fondatore Kasra a fare da traino a una line up notevole formata da Kiril, Was a Be, Synth Et...

10/10/2017 - Interviews

Calyx

Dnb Temple è il nuovo festival 100% drum and bass: due sale e più di dieci artisti in scena sabato 14 ottobre al Rivolta di Mestre. Abbiamo intervistato uno degli headiner dell’evento, il londinese Larry Cons AKA Calyx, attivo nella scena dal 1998 e che, con il suo socio Teebe...

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!