24/04/2019 - Culture

Ask The Doc

by Alessandro Sparano

Ci sono ancora i presupposti perché, oggi, nasca una realtà come 31 Recordings? Inglese classe 1969, il suo fondatore, Doc Scott (qui sopra in una foto del 1996 con Goldie, Shawn Stussy e Michael Kopelman) resta un esempio costruttivo di integrità musicale su cui vale la pena soffermarsi. 

Oggi, quando si cerca di respirare aria nuova all’interno dell’industria musicale, si fa molta fatica e, soprattutto, scarseggia l’ossigeno. È difficile già per chi sta dietro alle ultime novità sulle piattaforme come Spotify, pensate allora quanto può essere complicato per chi della musica underground, dell’elettronica di ricerca, ne ha fatto uno stile di vita o magari un lavoro. Insomma, anche se spesso si sente dire il contrario, per chi frequenta i ritmi digitali per passione, cerca di evitare i pregiudizi e vuole fermarsi per apprezzare l’anima di ciò che ascolta, sembra davvero complicato sfamare la propria curiosità musicale.

Nel 1996, a Londra, nasceva una di quelle etichette che, se fosse nata oggi, avrebbe trovato molti meno riscontri nella massa di ascoltatori online: la 31 Recordings, fondata da Scott Mcllroy aka Doc Scott, una delle poche etichette discografiche nate dopo la prima ventata di free party della Summer of Love nel 1989. È proprio da queste radici che il suo fondatore ha deciso di partire per costruire il sound di quella che, oggi, nel panorama drum and bass, è una delle label più rispettate e tenute d’occhio dagli “addetti ai lavori”. Non a caso, stiamo parlando anche del co-fondatore, insieme a Clifford Joseph Price aka Goldie, del menhir delle etichette discografiche drum and bass, la Metalheadz.

Innamorato dei ritmi sincopati, dalle atmosfere dark, e delle profondità dei sub provenienti dal dub giamaicano ritrovabili nei set dei primi rave illegali, Doc Scott prima di fondare la sua etichetta è stato, per anni, uno dei capisaldi dell’hardcore breakbeat, progenitore dell’innovativa techstep. Si tratta di un genere progressivo e, grazie allo sviluppo delle tecniche di composizione musicale, più incisivo sul dancefloor. Per prenderne atto, basterebbe partire dall’ascolto di “Here Comes the Drumz” (qui sotto lo streaming), tratto dall’EP “The Early Dubplates” composto dal dottore sotto gli pseudonimi sia di Doc Scott che di Nasty Habits.

Una delle caratteristiche che, con il passare degli anni, è andata persa ma che personaggi come Doc Scott, Goldie e il compianto Marcus Intalex fanno rivivere all’interno della loro musica e delle loro etichette, è il fattore dell’inaspettato, dello sconosciuto, della sorpresa. Ogni brano che veniva messo ai primi rave era un vero e proprio inedito. Chiunque si trovasse dietro ai giradischi, non aveva in mano solo dei vinili ma anime unite dal ritmo di una musica che stava nascendo e che cominciava a regalare le sue prime emozioni. È proprio la connessione energetica che la musica crea, quel sentimento di unificazione con l’ambiente circostante perturbato da vibrazioni sonore, percepibili sia dall’esterno che dall’interno del nostro corpo, il vero fattore di distacco dall’industria musicale. La 31 Recordings è senza dubbio un baluardo di quella fondamentale e ormai debole visione del mondo musicale che mette davanti al prodotto in sé ciò che questo trasmette alle persone. Etichette come quella di Doc Scott non perderanno mai il passo a vantaggio delle tendenze perché creano anche uno stile di vita, un modo di pensare la musica, un modo di vivere i party.
Oggi l’identità del Dj e, di conseguenza anche del producer, risulta essere il principale motore d’interesse di chi frequenta le feste e segue la musica elettronica. Sta venendo meno il semplice interesse nell’andare a scoprire quali saranno le vibrazioni che ci verranno trasmesse durante una serata così come la voglia di ascoltare con attenzione la discografia di un artista, a prescindere da chi si tratti. La massa va a una serata per i nomi annunciati in line up e non per quello che l’ascolto può creare in loro. Il compito del Dj sarebbe quello di far perdere le persone dentro le onde sonore selezionate appositamente senza concentrare l’attenzione su di sé, ma ormai questo non avviene quasi più.

31 Recordings è l’esempio di come Scott Mcllroy sia rimasto fedele al suo gusto musicale e abbia conservato un’attitudine utile a preservare le radici di un intero genere, per migliorarlo ed evolverlo anche con tracce lontane dal pensiero comune di musica dance. Ma lo ha fatto sempre rimanendo al passo con i cambiamenti che il suono ha subito nel corso di ormai più di 25 anni di sperimentazione e conquiste tecnologiche. Perché sarebbe un controsenso parlare di musica e tradizionalismo come di due elementi religiosamente legati tra loro.

31 Recordings nel 2019 riesce ancora a far corrucciare le sopracciglia per via della sua poca immediatezza. Non è semplice comprendere tracce molto minimali e scarne di elementi come, per esempio, l’ultima uscita di Serum, “Mixed Grill / Red Meat”: pochi rintocchi di synth ben posizionati nella stesura del brano riempiono l’atmosfera facendo rimbalzare l’ascoltatore da un rintocco all’altro in una sorta di sentiero sonoro a intensità alterne. Suoni sintetici alternati a bassi netti e potenti sporcati da rumori quasi cartacei in “Mixed Grill”. Le stesse basse frequenze in “Red Meat”, invece, ricordano più dei wobble bass vecchio stile modulati con un riverbero molto accentuato e chorus. Probabilmente la difficoltà nella comprensione di questo minimalismo spezzato proviene proprio dalla linea ritmica ripetitiva e composta da solo quattro o al massimo cinque elementi, scelta fatta per dare ancora più spazio agli elementi elettronici che costruiscono le due tracce dell’EP.

Oltre alle vibrazioni roller minimali e incisive che stanno caratterizzando in gran parte tutta la scena UK della drum and bass, la 31 Recordings offre un enorme catalogo di jungle pura e cruda dove a fare da padrona sulla struttura di ogni composizione è la batteria mentre tutto il resto si sviluppa attorno ai break caotici e incessanti che trascinano in un loop chiunque ami le ritmiche in levare. Per chi invece predilige un andamento più simil dancehall, con accenni di inni orientali, halftempo, e un ventaglio di BPM molto vasto (dagli 86 ai 130), “The Expect” EP composto da Hidden Turn nel 2015 è sicuramente il singolo che fa al suo caso.

Oggi prendersi del tempo per avventurarsi nel mondo della 31 Recordings, può far riscoprire un approccio alla musica che stiamo perdendo…

More culture

17/04/2019 - Culture

AJ Tracey in Italia

Arriva a Milano una voce in ascesa, ma già importante, del grime.

08/04/2019 - Culture

Problem Central

Quattro artisti della scena drum and bass hanno unito le forze e, dopo un anno, iniziano a fare sul serio.

02/04/2019 - Culture

Unstoppable - The Roots of Hip Hop in London

Recuperare la visione di un documentario come “Unstoppable” significa approfondire l’arrivo dell’hip hop a Londra, raccontato da chi l’ha vissuto (vedi MC Mello nel video qui sotto), e magari capire meglio anche il grime…

01/04/2019 - Culture

slowthai

Attualmente slowthai è uno dei nomi più caldi provenienti dal Regno Unito e a breve uscirà col suo primo album ufficiale, che di certo ascolteremo attentamente perché lo stiamo tenendo d’occhio da un po'. Intanto ve lo presentiamo.

28/03/2019 - Culture

Lenzman, “Bobby”

Abbiamo ascoltato “Bobby”, il secondo album di Lenzman, in uscita domani, venerdì 29 marzo, per l’etichetta di Goldie ma già disponibile in streaming su Bandcamp.

22/03/2019 - Culture

Il caso Mad Rush

Mad Rush è un MC di Manchester che sta avendo dei problemi per via delle sue origini giamaicane...

21/03/2019 - Culture

Top Boy: una storia grime

Di "Top Boy" avevamo già accennato quando abbiamo parlato della presenza della drum and bass nelle serie tv. Ora ci torniamo per un approfondimento, anche visto che ci sono novità in ballo...

16/03/2019 - Culture

Koffee

Non ha neanche 20 anni ed è una delle artiste su cui sia il suo Paese, la Giamaica, sia Europa e Stati Uniti ripongono più fiducia. 

12/03/2019 - Culture

Il grime in Giappone

E' un tema di cui si può discutere a lungo: il grime fuori dai confini inglesi può funzionare? Questa volta diamo uno sguardo alla scena che c'è in Giappone.

05/03/2019 - Culture

I Prodigy di Keith Flint

Abbiamo visto i Prodigy dal vivo questa estate all'Home Festival di Treviso (qui la gallery) prima dell'uscita di "No Tourists". In questi giorni erano in tour proprio per portare dal vivo questo ultimo album, poi ieri è arrivata la notizia della scomparsa di Keith Flint..&n...

02/03/2019 - Culture

Il compleanno di Rinse France

La sorella francese di Rinse cresce e continua a far crescere la scena locale.

26/02/2019 - Culture

20 anni di Breakbeat Era

Sono passati 20 anni dall'uscita del disco di Roni Size, Dj Die e Leonie Laws.

17/02/2019 - Culture

Eddie Otchere

Eddie Otchere, il fotografo che è uscito dalla sua comfort zone.

07/02/2019 - Culture

5 Years of Hyperdub

Nella Top 50 Albums del 2009 di Pitchfork c’è anche una compilation, una sola, al 27mo posto: "5: Five Years of Hyperdub". Sono passati dieci anni e si può dire che il disco, oltre a conservare tutta la sua importanza, segna un confine…

28/01/2019 - Culture

Vicky Grout

Dopo aver intervistato Ila Brugal, parliamo di un’altra fotografa adottata da Londra: Vicky Grout, il volto femminile dietro l’obiettivo della scena grime. 

26/01/2019 - Culture

Dj Storm

Tre giorni fa è uscito un articolo su Dazed in cui si racconta la storia di Kemistry and Storm. Perché proprio adesso? Nel 2019 ricorre il ventennale del loro mix album pubblicato nella serie “Dj Kicks”. Circa un anno fa, a marzo 2018, nello speciale di Dj Mag intitolato &l...

21/01/2019 - Culture

Il grime riuscirà a sfondare in Italia?

Questa analisi sull'impatto, negli ultimi anni, del grime in Italia pone una serie di quesiti, a partire dal titolo, che a poco più di quindici anni dall'uscita di "Boy in da Corner" , sono ancora aperti. Proprio l'esordio di Dizzee Rascal, nel 2003, sulla maggioranza de...

15/01/2019 - Culture

Aitch

Ha cominciato facendo freestyle nel cortile di scuola e oggi, ad appena 18 anni, va verso i 200mila follower su Instagram. È già stato ospite di BBC Radio 1 e, se Fact lo ha inserito nella playlist “Best UK Rap of 2018”, Paste lo segnala tra i 15 artisti di Manchester da se...

14/01/2019 - Culture

Tom Grennan: la voce di “All Goes Wrong” ma non solo…

Anche grazie ai Chase and Status, parliamo di una nuova voce inglese presente già in serie tv e videogiochi.

02/01/2019 - Culture

Flohio

Ne stanno parlando in tanti e per molti il 2019 sarà il suo anno: la londinese Flohio (foto in homepage di Stefon Grant) continua a far sentire la sua voce...

17/12/2018 - Culture

25 anni di Goldie

Questo articolo su Goldie (foto in hoempage di Nick Knight e qua sopra di Chelone Wolf) è uscito su Dj Mag (Dj Mag N° 84 – Ottobre 2018). Con l’uscita di "25 Years Of Goldie - Unreleased And Re-Mastered" (qui sotto in streaming), abbiamo colto l’occasione per r...

07/12/2018 - Culture

"Grime Kids"

In attesa della serie tv tratta dalle stesse pagine, Andrea Lai ci parla di "Grime Kids", il libro uscito a giugno e firmato Dj Target, amico d'infanzia di Wiley e Dizzee Rascal, per capirci...

13/11/2018 - Culture

La parola agli MC

Questo speciale sulla figura dell'MC è un altro degli articoli che abbiamo pubblicato nella nostra rubrica mensile su Dj Mag (Dj Mag N° 83 – Agosto / Settembre 2018) e abbiamo deciso di riproporvelo qui con lo stesso titolo. A darci il suo punto di vista sulla materia, uno ...

01/11/2018 - Culture

Wiley

In attesa del suo nuovo album, abbiamo approfondito la figura di Wiley.

15/10/2018 - Culture

Skepta

In vista del suo live milanese del 1° dicembre 2018 al Magnolia (unica data italiana), ci siamo portati avanti e abbiamo fatto un ritratto di Skepta.

10/10/2018 - Culture

Outlook Festival: il report della Numa Crew e una photo gallery

Leonard P ha scritto per noi un report dell'ultima edizione di Outlook Festival, dove ha suonato con gli altri membri della Numa Crew. Per l'occasione abbiamo degli scatti esclusivi che documentano la loro partecipazione al festival realizzati dalla fotografa italiana di stanza a Londra...

01/10/2018 - Culture

Goldie

Poco più di un anno fa, sulle pagine di Dj Mag parlavamo del ritorno di Goldie, subito dopo l'uscita del suo ultimo album, "The Journey Man". Visto che sul prossimo numero del mensile dove curiamo una rubrica fissa parleremo di nuovo di questo peso massimo della drum and bass, a...

28/08/2018 - Culture

Andy C

Come ogni anno è uno degli artisti più presenti nelle line up dei festival estivi e, dopo venticinque anni di attività, è sempre il Dj più quotato della drum and bass. Tra dicembre e gennaio scorsi abbiamo pubblicato un breve ritratto di Andy C nella nostra rubrica...

14/05/2018 - Culture

Le serie tv e la drum and bass

Se lo scorso autunno “Changing” dei Sigma era la canzone dello spot Vodafone ‘Il futuro è straordinario. Ready?’ (subito prima che “Cara Italia” di Ghali si guadagnasse la maggioranza delle attenzioni), in questi giorni, tra i commenti musicali delle sintes...

11/05/2018 - Culture

Largo alle donne: Madam X e Djinn

Se pensate che Manchester sia famosa solo per il calcio, dovrete presto ricredervi.

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!