21/01/2019 - Culture

Il grime riuscirà a sfondare in Italia?

by Riccardo Primavera

Questa analisi sull'impatto, negli ultimi anni, del grime in Italia pone una serie di quesiti, a partire dal titolo, che a poco più di quindici anni dall'uscita di "Boy in da Corner" , sono ancora aperti. Proprio l'esordio di Dizzee Rascal, nel 2003, sulla maggioranza delle testate musicali italiane (molte scomparse...) veniva lodato, anche per questo abbiamo deciso di riproporvi l'ascolto in streaming qui sotto.

Qualche mese fa, mentre saltavo sulle note di “Shutdown” al live di Skepta al Magnolia di Milano, una domanda ricorrente ha iniziato ad attanagliare le mie riflessioni: il grime riuscirà mai a sfondare in Italia? Sembra strano ritrovarsi in testa un dubbio simile mentre si sta pogando in un locale pieno, ad uno show sold-out, con un artista di rilevanza mondiale sul palco. Eppure il dubbio si è insediato proprio nel momento in cui ho iniziato a guardarmi intorno: gli italiani non mancavano, assolutamente, ma tantissimi dei presenti erano stranieri. Su tutti, spiccava una comitiva di circa quindici persone arrivata dalla Bulgaria: fermandomi a scambiare quattro chiacchiere, quasi non sembravano capacitarsi di quanto la venue fosse piccola, rispetto al riconoscimento che Skepta (qui sopra nella foto di Roberto Graziano Moro) dovrebbe avere, numericamente parlando. Nel frattempo io pensavo che invece lo show fosse stato un successo, visto che il Magnolia era effettivamente pieno: come mai questa sorta di approccio con due pesi e due misure?

Se si va a guardare al grime e alla sua storia, alla sua cultura e ai suoi suoni, si capisce immediatamente quanto sia profondamente legato all’Inghilterra. Il forte imprinting dato dalle sonorità garage ed elettroniche è tanto evidente quanto pervasivo, e non basta adottare il veicolo espressivo del rap per dar vita a un risultato universalmente apprezzabile. Liricamente poi, il legame si fa ancor più evidente: non si tratta di gangsta rap, non si tratta di millantare rapporti e connessioni criminose, si tratta di mettere nero su bianco – e in musica – ciò che sui quotidiani britannici occupa pagine e pagine di cronaca, spesso nera. Il grime nasce e prospera nei block, nei quartieri lontani dalle copertine patinate delle riviste di gossip UK, dove le istituzioni stentano ad arrivare e ci si arrangia in altri modi. Non si tratta però di grida d’aiuto, di richieste disperate di soccorso da parte dello stato o chi per lui: il racconto è quasi apatico, spigoloso, privo di filtri e per nulla edulcorato. A ciò va aggiunto l’utilizzo di uno slang piuttosto ben definito ma allo stesso tempo ostico, difficile da interpretare, a prescindere da quanto buono possa essere il proprio inglese. Ci si ritrova così tagliati fuori da ciò che il rapper sta raccontando, incapaci di arrivare al nucleo centrale di un testo, poiché privi dei mezzi per farlo. In parole povere, il grime non è un genere che ha intenzione di aprirsi al pubblico, servono pazienza e dedizione per tentare di decifrarlo.

Messe da parte ambientazioni e tematiche – non riproponibili proprio a causa di una distanza culturale insormontabile -, qualche artista italiano ha tentato di rappare su sonorità grime. Il sodalizio tra Rasty Kilo e Stabber aveva prodotto qualche esperimento interessante, per poi interrompersi a causa di forza maggiore; il collettivo Numa Crew è attivo e continua a produrre grime, eppure sembra ottenere più risonanza all’estero – dall’Albania agli U.S.A., passando per la stessa Inghilterra – che in Italia. L’ep “Showgun” di Ninjaz, membro della crew, è stato infatti particolarmente apprezzato dagli addetti ai lavori, eppure la risonanza nel mercato è stata minima. Yodaman, rapper napoletano nonché tra i pionieri del grime in Italia, è un nome che fa capolino quasi esclusivamente nei taccuini degli addetti ai lavori più informati, ma non tra quelli generalisti. Rivalutando il risultato di Skepta al Magnolia, mi verrebbe quasi da dire allora che il sold-out non è stato un successo, ma quasi una sorta di rivoluzione copernicana. I ripetuti endorsment di Drake, Kanye West e dell’ASAP Mob – Rocky su tutti – sembrano aver portato Skepta sotto gli occhi degli appassionati di rap italiano, ma non basta. La cultura grime rimane lontana dai riflettori, lontana dalla scena, lontana dalle cuffie degli appassionati: Stormzy, un nome che negli States è arrivato a collaborare con colossi del calibro dei Linkin Park, in Italia ha una considerazione minima. Dizzee Rascal, colonna portante degli grime e uno dei pochi artisti del genere universalmente conosciuto oltreoceano, è materiale da appassionati e intenditori. Giovani promesse quali AJ Tracey e Avelino finiscono per essere considerati quasi “materiale da hipster”, per quanto è irrisoria la nicchia di appassionati che li segue.

La risposta alla domanda iniziale è quindi difficile, sfuggente, eppure inizia a delinearsi. Andrebbe forse approfondita la riflessione, sviluppando un quesito ulteriore: quello italiano è un mercato culturalmente adatto? Nella cultura dell’ascoltatore medio di rap c’è del terreno fertile per lasciar prosperare il grime? Oppure rimarrà sempre un prodotto di nicchia, destinato ad emozionare in maniera incredibile un pubblico purtroppo esiguo? Qual è il peso specifico del discorso linguistico? È l’italiano in sé a rivelarsi una lingua poco adatta ai suoni tipici del grime? Si tratta di un filone destinato a rimanere legato in maniera univoca alla pronuncia inglese? Gli indizi sembrerebbero deporre a favore della seconda ipotesi, ma ai posteri l’ardua sentenza.

More culture

13/07/2020 - Culture

Il "Padrino" della grime è tornato

Il "Padrino" della grime è tornato: Wiley ha pubblicato "The Godfather 3", e forse si ferma qui (?)

25/06/2020 - Culture

Fulu Miziki

Gli africani Fulu Miziki sono Pisko Crane, Lady Aïcha, Padou, Le Meilleur, Sékéle Mbélé, Abbe, Deboule e Tshe Tshe e fanno “trash music”.

17/04/2020 - Culture

UK drill: la nuova wave

Alla scoperta del movimento UK drill, la nuova corrente urban partita dall’America e arrivata nei sobborghi del Regno Unito

11/03/2020 - Culture

L’ascesa delle artiste hip hop inglesi

Flohio, Little Simz, Lady Leshurr, Lioness, Miss Lafamilia e altre artiste urban inglesi stanno alzando sempre di più la voce. 

06/03/2020 - Culture

HLMNSRA

HLMNSRA, il producer siciliano di stanza a Londra, sta legando il suo nome al nuovo talento inglese di cui abbiamo già parlato tempo fa, Flohio, e a cui nel 2018 ha prodotto tutto l’EP “Wild yout”.

31/01/2020 - Culture

La maturità di Kano

Kano è stato uno dei volti simbolo della musica inglese del 2019 e, dopo tanti di carriera, ha ancora molto da dire.

26/11/2019 - Culture

Top Boy: il ritorno

Avevamo già analizzato la serie inglese di culto “Top Boy” ma torniamo a parlarne perché, con l’uscita della nuova stagione, stanno cambiando un po’ di cose.

26/10/2019 - Culture

Glen E. Friedman (di nuovo) a Roma

Dopo aver parlato di Oliver Degorce, Ila Brugal, Paolo Cenciarelli, Vicky Grout ed Eddie Otchere, oggi è la volta di un fotografo americano di culto. Un insider che ha vissuto, e dunque documentato al meglio, il mondo che più che ci piace, in cui convivono e si incrocian...

21/10/2019 - Culture

Grime e calcio: storia di un grande amore

Una playlist grime a tema calcio. In alcuni casi i titoli parlano chiaro - come "Thiago Silva", "False 9", "Marcus Rashford" e "Assist" -, in altri bisogna indagare sul testo...

17/09/2019 - Culture

Pop Smoke

A New York c’è un nuovo rapper che sta facendo parecchio rumore, riuscendo a fondere assieme il rap più classico con la trap e addirittura il grime. Vi parliamo di Pop Smoke, che a fine luglio ha pubblicato il suo debutto, "Meet the Woo".    

03/07/2019 - Culture

Octavian

In vista del concerto di A$AP Rocky al Carroponte, vi presentiamo l’artista che suonerà in apertura, Octavian.

03/06/2019 - Culture

slowthai, “Nothing Great About Britain”

slowthai aka The Brexit Bandit ha finalmente pubblicato il suo primo album ufficiale. Ecco le nostre considerazioni.

27/05/2019 - Culture

Kasra, "Focus On The Love"

Dieci giorni fa è uscito il nuovo EP di Kasra. Ci siamo presi il tempo di ascoltarlo e pubblichiamo qui le nostre riflessioni, che partono dal titolo: "Focus On The Love".

24/04/2019 - Culture

Ask The Doc

Ci sono ancora i presupposti perché, oggi, nasca una realtà come 31 Recordings? Inglese classe 1969, il suo fondatore, Doc Scott (qui sopra in una foto del 1996 con Goldie, Shawn Stussy e Michael Kopelman) resta un esempio costruttivo di integrità musicale su cui vale la pena so...

17/04/2019 - Culture

AJ Tracey in Italia

Arriva a Milano una voce in ascesa, ma già importante, del grime.

08/04/2019 - Culture

Problem Central

Quattro artisti della scena drum and bass hanno unito le forze e, dopo un anno, iniziano a fare sul serio.

02/04/2019 - Culture

Unstoppable - The Roots of Hip Hop in London

Recuperare la visione di un documentario come “Unstoppable” significa approfondire l’arrivo dell’hip hop a Londra, raccontato da chi l’ha vissuto (vedi MC Mello nel video qui sotto), e magari capire meglio anche il grime…

01/04/2019 - Culture

slowthai

Attualmente slowthai è uno dei nomi più caldi provenienti dal Regno Unito e a breve uscirà col suo primo album ufficiale, che di certo ascolteremo attentamente perché lo stiamo tenendo d’occhio da un po'. Intanto ve lo presentiamo.

28/03/2019 - Culture

Lenzman, “Bobby”

Abbiamo ascoltato “Bobby”, il secondo album di Lenzman, in uscita domani, venerdì 29 marzo, per l’etichetta di Goldie ma già disponibile in streaming su Bandcamp.

22/03/2019 - Culture

Il caso Mad Rush

Mad Rush è un MC di Manchester che sta avendo dei problemi per via delle sue origini giamaicane...

21/03/2019 - Culture

Top Boy: una storia grime

Di "Top Boy" avevamo già accennato quando abbiamo parlato della presenza della drum and bass nelle serie tv. Ora ci torniamo per un approfondimento, anche visto che ci sono novità in ballo...

16/03/2019 - Culture

Koffee

Non ha neanche 20 anni ed è una delle artiste su cui sia il suo Paese, la Giamaica, sia Europa e Stati Uniti ripongono più fiducia. 

12/03/2019 - Culture

Il grime in Giappone

E' un tema di cui si può discutere a lungo: il grime fuori dai confini inglesi può funzionare? Questa volta diamo uno sguardo alla scena che c'è in Giappone.

05/03/2019 - Culture

I Prodigy di Keith Flint

Abbiamo visto i Prodigy dal vivo questa estate all'Home Festival di Treviso (qui la gallery) prima dell'uscita di "No Tourists". In questi giorni erano in tour proprio per portare dal vivo questo ultimo album, poi ieri è arrivata la notizia della scomparsa di Keith Flint..&n...

02/03/2019 - Culture

Il compleanno di Rinse France

La sorella francese di Rinse cresce e continua a far crescere la scena locale.

26/02/2019 - Culture

20 anni di Breakbeat Era

Sono passati 20 anni dall'uscita del disco di Roni Size, Dj Die e Leonie Laws.

17/02/2019 - Culture

Eddie Otchere

Eddie Otchere, il fotografo che è uscito dalla sua comfort zone...

07/02/2019 - Culture

5 Years of Hyperdub

Nella Top 50 Albums del 2009 di Pitchfork c’è anche una compilation, una sola, al 27mo posto: "5: Five Years of Hyperdub". Sono passati dieci anni e si può dire che il disco, oltre a conservare tutta la sua importanza, segna un confine…

28/01/2019 - Culture

Vicky Grout

Dopo aver intervistato Ila Brugal, parliamo di un’altra fotografa adottata da Londra: Vicky Grout, il volto femminile dietro l’obiettivo della scena grime. 

26/01/2019 - Culture

Dj Storm

Tre giorni fa è uscito un articolo su Dazed in cui si racconta la storia di Kemistry and Storm. Perché proprio adesso? Nel 2019 ricorre il ventennale del loro mix album pubblicato nella serie “Dj Kicks”. Circa un anno fa, a marzo 2018, nello speciale di Dj Mag intitolato &l...

15/01/2019 - Culture

Aitch

Ha cominciato facendo freestyle nel cortile di scuola e oggi, ad appena 18 anni, va verso i 200mila follower su Instagram. È già stato ospite di BBC Radio 1 e, se Fact lo ha inserito nella playlist “Best UK Rap of 2018”, Paste lo segnala tra i 15 artisti di Manchester da se...

14/01/2019 - Culture

Tom Grennan: la voce di “All Goes Wrong” ma non solo…

Anche grazie ai Chase and Status, parliamo di una nuova voce inglese presente già in serie tv e videogiochi.

02/01/2019 - Culture

Flohio

Ne stanno parlando in tanti e per molti il 2019 sarà il suo anno: la londinese Flohio (foto in homepage di Stefon Grant) continua a far sentire la sua voce...

17/12/2018 - Culture

25 anni di Goldie

Questo articolo su Goldie (foto in hoempage di Nick Knight e qua sopra di Chelone Wolf) è uscito su Dj Mag (Dj Mag N° 84 – Ottobre 2018). Con l’uscita di "25 Years Of Goldie - Unreleased And Re-Mastered" (qui sotto in streaming), abbiamo colto l’occasione per r...

07/12/2018 - Culture

"Grime Kids"

In attesa della serie tv tratta dalle stesse pagine, Andrea Lai ci parla di "Grime Kids", il libro uscito a giugno e firmato Dj Target, amico d'infanzia di Wiley e Dizzee Rascal, per capirci...

13/11/2018 - Culture

La parola agli MC

Questo speciale sulla figura dell'MC è un altro degli articoli che abbiamo pubblicato nella nostra rubrica mensile su Dj Mag (Dj Mag N° 83 – Agosto / Settembre 2018) e abbiamo deciso di riproporvelo qui con lo stesso titolo. A darci il suo punto di vista sulla materia, uno ...

01/11/2018 - Culture

Wiley

In attesa del suo nuovo album, abbiamo approfondito la figura di Wiley.

15/10/2018 - Culture

Skepta

In vista del suo live milanese del 1° dicembre 2018 al Magnolia (unica data italiana), ci siamo portati avanti e abbiamo fatto un ritratto di Skepta.

10/10/2018 - Culture

Outlook Festival: il report della Numa Crew e una photo gallery

Leonard P ha scritto per noi un report dell'ultima edizione di Outlook Festival, dove ha suonato con gli altri membri della Numa Crew. Per l'occasione abbiamo degli scatti esclusivi che documentano la loro partecipazione al festival realizzati dalla fotografa italiana di stanza a Londra...

01/10/2018 - Culture

Goldie

Poco più di un anno fa, sulle pagine di Dj Mag parlavamo del ritorno di Goldie, subito dopo l'uscita del suo ultimo album, "The Journey Man". Visto che sul prossimo numero del mensile dove curiamo una rubrica fissa parleremo di nuovo di questo peso massimo della drum and bass, a...

28/08/2018 - Culture

Andy C

Come ogni anno è uno degli artisti più presenti nelle line up dei festival estivi e, dopo venticinque anni di attività, è sempre il Dj più quotato della drum and bass. Tra dicembre e gennaio scorsi abbiamo pubblicato un breve ritratto di Andy C nella nostra rubrica...

14/05/2018 - Culture

Le serie tv e la drum and bass

Se lo scorso autunno “Changing” dei Sigma era la canzone dello spot Vodafone ‘Il futuro è straordinario. Ready?’ (subito prima che “Cara Italia” di Ghali si guadagnasse la maggioranza delle attenzioni), in questi giorni, tra i commenti musicali delle sintes...

11/05/2018 - Culture

Largo alle donne: Madam X e Djinn

Se pensate che Manchester sia famosa solo per il calcio, dovrete presto ricredervi.

Get in touch

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità Hellmuzik.com!